Gara - ID 679

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante DIPARTIMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
Lotti prestazionali e territoriali n. 15
CIG
CUP
Totale appalto€ 709.996.268,33
Data pubblicazione 01/02/2021 Termine richieste chiarimenti Giovedi - 25 Febbraio 2021 - 18:30
Scadenza presentazione offerteGiovedi - 04 Marzo 2021 - 10:30 Apertura delle offerteVenerdi - 05 Marzo 2021 - 09:30
Categorie merceologiche
  • 508 - Servizi di riparazione e manutenzione vari
  • 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
  • 90921 - Servizi di disinfezione e disinfestazione
DescrizioneProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
Lotti prestazionali e territoriali n. 15
Struttura proponente Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici
Responsabile del servizio Sabrina Scotto Di Carlo Responsabile del procedimento Scotto Di Carlo Sabrina
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf 7-19s-bando-albo-pretorio-con-date-signed - 711.67 kB
01/02/2021
File pdf allegato-1-centri-refezionali-signed - 9.13 MB
01/02/2021
File pdf allegato-6-servizi-di-riparazione-e-manutenzione-signed - 1.09 MB
01/02/2021
File pdf allegato-b-impegno-fondi - 416.27 kB
01/02/2021
File pdf allegato-2-menu-2021-2026-signed - 8.93 MB
01/02/2021
File pdf allegato-3-tabelle-merceologiche-2021-2026-signed - 1.49 MB
01/02/2021
File pdf allegato-5-procedure-operative-2021-2026-signed - 971.27 kB
01/02/2021
File pdf allegato-8-commissione-mensa-2021-2026-signed - 954.09 kB
01/02/2021
File pdf allegato-4-indicazioni-diete-2021-2026-signed - 745.03 kB
01/02/2021
File pdf allegato-7-duvri-2021-2026-signed - 874.70 kB
01/02/2021
File pdf allegato-11-definitivo-2021-20256-signed - 542.14 kB
01/02/2021
File pdf allegato-9-standard-micro-e-chimicho-fisici-signed - 3.13 MB
01/02/2021
File pdf allegato-a-relazione-tecnico-illustrativa - 752.83 kB
01/02/2021
File pdf determina-a-contrarre-3050-18-01-2021-esecitiva - 175.62 kB
01/02/2021
File pdf modello-1-richiesta-dieta-speciale-2021-2026-signed - 1.39 MB
01/02/2021
File pdf modello-2-richiesta-del-medico-.signed - 0.97 MB
01/02/2021
File pdf modello-3-modello-trasferimento-2021-2026-signed - 1.19 MB
01/02/2021
File pdf csdp-unico-per-tutti-i-lotti-2021-2026-signed - 2.24 MB
01/02/2021
File pdf relazione-tecnico-illustrativa-signed - 795.18 kB
01/02/2021
File pdf modello-4-somministrazione-latte-materno.signed - 552.77 kB
01/02/2021
File pdf modello-5-offerta-dop-e-igp-zoneterremotatesigned - 689.37 kB
01/02/2021
File pdf allegato-6-patto-di-integrita.-2020-2021-2022 - 117.56 kB
01/02/2021
File pdf protocollo-intesa-prefettura - 2.18 MB
01/02/2021
File pdf istruzioni-sulle-comunicazioni-delle-pubbliche-amministrazioni - 201.33 kB
01/02/2021
File pdf dgcdelib.-n-141-del-30.12.2016 - 939.16 kB
01/02/2021
File docx modello-comunicazioni-ex-art.-76-d.lgs.-50-2016. - 22.67 kB
01/02/2021
File doc modello-domanda-partecipazione - 84.00 kB
01/02/2021
File doc modello-dichiarazione-integrativa-avvalimento - 52.00 kB
01/02/2021
File pdf modello-comunicazioni-ex-art.-76-d.lgs.-50-2016-signed - 309.02 kB
01/02/2021
File pdf modello-domanda-partecipazione-signed - 725.80 kB
01/02/2021
File pdf modello-dichiarazione-integrativa-avvalimento-signed - 560.92 kB
01/02/2021
File pdf schema-di-contatto-22-01-signed-a1-signed - 821.86 kB
01/02/2021
File pdf determina-indizione-gara-n.-52-del-22-1-21 - 109.46 kB
01/02/2021
File pdf 7-2019s-disciplinare-con-date-1-2-2021-signed - 1.98 MB
01/02/2021
File pdf allegato-1-lotto-10 - 279.85 kB
12/02/2021

Lotti

OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 1: Municipio Roma VII
CIG8548065663
Totale lotto € 79.171.488,00
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.
LOTTO N. 1Municipio Roma VII
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 2: Municipio Roma VI
CIG8548106838
Totale lotto € 64.314.245,25
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.
LOTTO N. 2: Municipio Roma VI
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 3: Municipio Roma V
CIG8548128A5F
Totale lotto € 63.923.994,00
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 3Municipio Roma V
 
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 4: Municipio Roma IX
CIG8548179477
Totale lotto € 55.159.706,26
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.
LOTTO N. 4Municipio Roma IX
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 5: Municipio Roma X
CIG8548190D88
Totale lotto € 54.740.920,51
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 5Municipio Roma X
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 6: Municipio Roma III
CIG8548206ABD
Totale lotto € 52.873.589,25
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 6Municipio Roma III
 
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020.LOTTO N. 7: Municipio Roma IV
CIG854838701E
Totale lotto € 51.032.274,75
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 7Municipio Roma IV
 
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 8: Municipio Roma I
CIG8548400AD5
Totale lotto € 40.778.318,25
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 8Municipio Roma I
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 9: Municipio Roma XIV
CIG85484525C0
Totale lotto € 40.589.487,01
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 9Municipio Roma XIV
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 10: Municipio Roma XIII
CIG854845690C
Totale lotto € 38.062.505,26
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 10: Municipio Roma XIII
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 11: Municipio Roma II
CIG8548460C58
Totale lotto € 37.158.633,01
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 11: Municipio Roma II
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 12: – Municipio Roma XI
CIG854846507C
Totale lotto € 34.598.081,26
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 12: – Municipio Roma XI
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 13: Municipio Roma XV
CIG85484693C8
Totale lotto € 33.632.104,51
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 13: Municipio Roma XV
 
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 14: Municipio Roma XII
CIG85484758BA
Totale lotto € 32.324.553,01
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 14: Municipio Roma XII
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni
OggettoProcedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. LOTTO N. 15: Municipio Roma VIII
CIG85484861D0
Totale lotto € 31.636.368,00
Durata 55 Mesi
Descrizione Procedura aperta per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020. 
LOTTO N. 15Municipio Roma VIII
Categorie merceologiche 55524 - Servizi di ristorazione scolastica
Ulteriori informazioni

Chiarimenti

  1. 01/02/2021 17:44 - a) In merito ai requisiti di partecipazione:
    -eventuali prestazioni di pronto intervento e piccola manutenzione
    -importo derattizzazione e disinfestazione
    si chiede se tali requisiti possano essere soddisfatti attraverso dichiarazione di subappalto ad imprese che possiedano tali requisiti

    b) In merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per l’introduzione di menu “sociali” realizzati con prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale. Il disciplinare dettaglia le ricette da approntare relativamente ai prodotti. Si chiede se tutte le derrate che compongono la ricetta devono essere costituite da prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale, ossia se anche prodotti non ortifrutticoli (es. olio, pasta, parmigiano reggiano) debbano provenire da operatori dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ)

     


    Risposta a QM 2642
    a) La dichiarazione di subappalto non è sufficiente a comprovare il possesso dei requisiti. Per la comprova degli stessi si rimanda, per quanto riguarda eventuali prestazioni di pronto intervento e piccola manutenzione, a quanto specificato al punto 7.2 lettera e) “servizi di riparazione e manutenzione vari” del Disciplinare di Gara e per quanto riguarda le attività di derattizzazione e disinfestazione al punto 7. 1 lettere a) e b) del Disciplinare di Gara.

    b) Tutte le derrate che compongono la ricetta, secondo quanto stabilito all’art. 79 del C.S.D.P. e al punto 18.2 del Disciplnare di Gara, devono essere costituite da prodotti alimentari proveniente da operatori nazionali dell’agricoltura sociale
    04/02/2021 12:58
  2. 01/02/2021 16:21 - Gent.mi Signori,

    di seguito alcune richieste di chiarimenti:

    art. 7.2 requisiti di capacità economica finanziaria punti d) ed e)

    non è possibile presentare attestazioni di buon servizio rilasciate dagli Enti e firmate digitalmente dal nostro Legale Rappresentante?


    Relativamente al subappalto:

    E’ consentito subappaltare al 100% le prestazioni secondarie?


    Risposta a QM 2610
    a) Le attestazioni di buon servizio non rientrano tra i documenti mediante i quali l’O.E. può comprovare la capacità economico-finanziaria. Si rimanda pertanto a quanto specificato al punto 7.2 del Disciplinare di Gara.

    b) Si rimanda a quanto stabilito al punto 9 del Disciplinare di Gara nel quale non sono previsti limiti in percentuale nel subappalto relativo alle prestazioni secondarie
     
    04/02/2021 12:58
  3. 02/02/2021 11:08 - Buongiorno
    all’articolo 9 del disciplinare viene indicato che tutte le tipologie di prestazioni possono essere oggetto di subappalto.
    Si chiede pertanto conferma che i servizi di derattizzazione/disinfestazione e manutenzioni possano essere subappaltati.
    Si chiede inoltre se i requisiti di questi subappaltatori  (disinfestazione/manutenzione)  debbano essere  dichiarati dal subappaltatore in fase di gara,
    (riferimento disciplinare art. 7.1 (b) e 7.2 (e)  oppure solo al momento della richiesta effettiva di subappalto, in caso di aggiudicazione.
    La normativa infatti  prevede ad oggi l’indicazione solamente delle parti di servizio da subappaltare e non dei nominativi dei subappaltatori  e dei requisiti.

    In attesa di riscontro, salutiamo cordialmente

     


    Risposta a QM 2688 FAQ n° 3

    R. Si conferma che i servizi di derattizzazione/disinfestazione e manutenzioni possono essere subappaltati così come previsto all’art. 9 del Disciplinare di gara.
    R. No, il concorrente indica nella domanda di partecipazione le parti del servizio/dei servizi che intende subappaltare così come previsto al punto 9 del Disciplinare di Gara.
     
    10/02/2021 12:15
  4. 02/02/2021 17:31 - Domanda
    a) in merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per I'introduzione di menu "sociali" realizzali con prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell'agricoltura sociale si chiede:
    1. -se possa essere scelta a discrezione dell'O.E. anche solo una tra le ricette (n" 102,103, 104, 105, 107, 1Og,
    1 09, 1 11 , 123, '127) da ripetere 2 volte nel menu estivo
    2. -se possa essere scelta a discrezione dell'O.E. anche solo una tra le ricette (n" 102, 105,104,105, 107, 108;
    109, 1'11,'123,127) da ripetere 2 volte nel menu invernale
    b) in merito al criterio di valutazione b.1 Progetto per I'introduzione di menu "solidali" realizzali con prodotti alimentari
    provenienti dalle aziende delle zone terremotate del centro ltalia D.L. 18912016 (max2l punti), si chiede:
    1. -se possa essere scelta, a discrezione dell'O.E. qualsiasi giornata riportata nell'allegato 2
    2. -se la giornata comprende anche gli alimenti secondari (es. pane, frutta)
    3. -se la giornata comprende anche la merenda
    4. -se la giornata comprende anche lo spuntino
    5. -cosa si intende esattamente per "50% dei prodotti": il 50% del numero dei prodotti che compongono le
    ricette? il50% riferito alpeso? il50o/o diogni prodotto che compone la ricetta? siprega di preseÀtare un
    esempio
    c) in merito al criterio di valutazione c.1 Prodotti DOP o IGP ulteriori rispetto a quelli previsti come obbligatori dal
    Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale (max 7 punti) si chiede:
    1. -se per ottenere il max punteggio vada, per ogni alimento, essere offerto il Coefficiente di ponderazione (CP)
    riportato nella tabella a pag.39 de ldisciplinare digara
    d) in rnerito all'arl.14 del Capitolato si chiede:
    1. - se il personale debba essere tarato in base al numero dei pasti riportati nell'allegato 1 al Capitolato, nella
    colonna "Totali pasti giornalieri"
    2. - se il personale debba essere tarato in base al numero dei pasti riportati nell'allegato I al Capitolato, nella
    colonna "Totali pasti giornalieri presunti in base al calo fisiologico delle presenze del15o/o"
    e) si chiede conferma che nella redazione dell'offerta tecnica
    - non vi siano limiti di pagine e carattere da utilizzare
    - non vi sia limite nel numero dei file da caricare a sistema
     


    Risposta a QM 2799 FAQ n° 4

    R. a)  l’ O.E. potrà scegliere discrezionalmente la ricetta o le ricette da proporre 2 volte nel menù invernale e 2 volte nel menù estivo .
    R: b) punti 1,2,3 e 4. l’O.E. potrà scegliere discrezionalmente nel menù ordinario qualsiasi giornata riportata nell’allegato 2, da dedicare alla realizzazione dei menù solidali, la cui composizione è specificata all’art. 25 del C.S.D.P.
    R. b) punto 5. Con la definizione “50% dei prodotti alimentari” si intende il 50% delle pietanze da somministrare nella giornata prescelta per realizzazione del menù solidale. Per pietanze si intende: spuntino, primo piatto, secondo piatto, contorno, pane ,frutta e merenda pomeridiana. Per le pietanze prescelte, tutti gli ingredienti devono provenire da aziende di zone terremotate del Centro Italia.
    R. c) per l’attribuzione del punteggio dell’elemento c)1 si rimanda a quanto specificato all’art. 79) lett. C) del C.S.D.P.
    R. d) Si rimanda all’attenta lettura dell’art. 14 del C.S.D.P.
    R. e) Non sono previsti limiti di pagine per la redazione dell’offerta tecnica
     
    10/02/2021 12:22
  5. 03/02/2021 10:06 - Con riferimento alla gara emarginata in oggetto, siamo a formulare i seguenti quesiti ai sensi dell’art. 74, c. 4 del D. Lgs. 50/2016:
    All’art. art. 7.3 REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE” del disciplinare di gara al punto g1) “Esecuzione negli ultimi tre anni antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando dei principali seguenti servizi analoghi” dite: “Il concorrente deve per ciascun lotto cui partecipa produrre la dichiarazione attestante l’elenco dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni, antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando, con indicazione dei rispettivi importi, date e destinatari, pubblici o privati.”
    N.B. La suddetta elencazione dei principali servizi analoghi prestati negli ultimi tre anni deve riferirsi a tutte e tre le tipologie di prestazione Per tutti gli altri requisiti fate riferimento al triennio (2017/2018/2019) vogliate confermarci che il triennio da considerare sia per i requisiti di capacità economica finanziaria sia per i requisiti di capacità tecnica professionale sia il  triennio (2017/2018/2019)   
     


    Risposta a QM 2809 FAQ n° 5
    R. Il triennio di riferimento,  per i requisiti di capacità economica  è  riferito agli esercizi finanziari 2017/2018/2019. Per i requisiti di capacità tecnica professionale si rimanda al punto 7.3  lettera g1) del Disciplinare di gara.

     
    10/02/2021 12:24
  6. 03/02/2021 12:57 - In considerazione di quanto previsto dall’articolo 9 del Disciplinare di gara, chiediamo se anche i requisiti di partecipazione di cui ai punti 7.1 lett. a) e 7.2 lett. e) possano essere ottemperati attraverso il ricorso al subappalto; posto che la scrivente, avendo intenzione di partecipare alla presente procedura come impresa singola, sia sprovvista dei requisti sopra menzionati.
    Nell’attesa di Vs. gradito riscontro, con l’occasione porgiamo distinti saluti.


    Risposta a QM 2882 FAQ n° 6
    R. Il requisito indicato al punto 7.1 lett. a) si riferisce ai requisiti di idoneità che tutti i concorrenti devono possedere a pena di esclusione e pertanto non può essere oggetto di subappalto.
    R. In riferimento al requisito indicato al punto 7.2 lett. e) del Disciplinare di Gara si rimanda al punto 8 del Disciplinare medesimo.
     
    10/02/2021 12:27
  7. 03/02/2021 14:35 - Buongiorno
    si chiedono informazioni circa l’effettuazione dei sopralluoghi e i recapiti telefonici a cui rivolgersi.
    Grazie 


    Risposta a QM 2913 FAQ n° 7

    R. Non sono previsti sopralluoghi negli atti di gara.
     
    10/02/2021 12:28
  8. 04/02/2021 12:44 - Gent.mi Signori,

    All’art. 24 del Disciplinare, in riferimento all’impegno al rispetto della clausola sociale (ribadito anche in 13 del Capitolato e art. 28 dello Schema di contratto) è indicato che “allo scopo di consentire ai concorrenti di conoscere i dati del personale da assorbire, la stazione appaltante indica gli elementi rilevanti per la formulazione dell’offerta nel rispetto della clausola sociale, in particolare i dati relativi al personale utilizzato nel contratto in corso di esecuzione, nel documento depositato presso l’Ufficio proponente che contiene in forma anonima: il numero di unità, monte ore, CCNL applicato dall’attuale appaltatore/esecutore, qualifica, livelli retributivi, scatti di anzianità, sede di lavoro, eventuale indicazione dei lavoratori assunti ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68, ovvero mediante fruizione di agevolazioni contributive previste dalla legislazione vigente. etc..”. Si rileva tuttavia che le tabelle riportate in Allegato 11 (“Dettaglio del personale attualmente impiegato nei centri refezionali”) riportano unicamente il numero e la qualifica delle unità attualmente impiegate e sono, pertanto, carenti di tutte le altre sopracitate informazioni fondamentali per una corretta valutazione sia dei costi che dell’organizzazione operativa necessaria. Si chiede cortesemente di fornire il documento citato nella sua interezza e pertanto con dettaglio e specifica per ciascuna figura di: sede di lavoro (Municipio, Istituto/Circolo Didattico, Plesso), livello/inquadramento, monteore settimanale, scatti di anzianità maturati, etc.

    Vi ringraziamo dell’attenzione e Vi porgiamo cordiali saluti.


    Risposta a QM 2827 Faq n° 8

    R. Si rimanda alla lettura degli allegati tecnici nn.1 e 11 al C.S.D.P.
     
    12/02/2021 14:16
  9. 04/02/2021 16:32 - Buonasera,
    inviamo di seguito richiesta di chiarimenti per la procedura in oggetto:
    1. In riferimento all’Art. 24 del Disciplinare di Gara “CLAUSOLA SOCIALE E ALTRE CONDIZIONI PARTICOLARI DI ESECUZIONE” si richiede il documento concernente il dettaglio relativo ai dati del personale da assorbire
    2. Si chiede di integrare nell’Allegato 1 “Elenco centri refezionali e pasti previsti” – Lotti 10, le pagg. 59 perché illeggibile e 62 perché mancante (elenco asili nido)
    In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti

     


    Risposta a QM 3062 Faq n° 9

    R. Si rimanda alla lettura degli allegati tecnici nn.1 e 11 al C.S.D.P.

    R. Per mero errore materiale le pagine 59 e 62 dell’allegato tecnico n. 1  e riferite al Lotto 10 non risultano correttamente visualizzabili. Pertanto, nella sezione “Allegati”  del portale Tuttogare è stato  inserito  il pdf dell’Allegato 1 relativo al Lotto 10.
     
    12/02/2021 14:18
  10. 04/02/2021 18:58 - Con riferimento alla gara in oggetto siamo a richiedere i seguenti chiarimenti:

    CHIARIMENTO N. 1
    - l’art. 7.1 (“Requisiti di idoneità”) del Disciplinare di gara impone alla lettera b) il possesso del requisito relativo all’“iscrizione nel registro delle imprese o nell’albo delle imprese artigiane, secondo la seguente fascia di classificazione di volume di affari al netto dell’I.V.A. di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio 1997, n. 274: fascia a) (fino a € 51.645,69)”;
    - il predetto requisito è sottratto all’avvalimento ai sensi dell’art. 8 del Disciplinare di gara;
    Si chiede, pertanto, di voler confermare che l’operatore economico che non sia in possesso del requisito di idoneità professionale previsto dall’art. 7.1, lett. b) del Disciplinare di gara, possa partecipare alla gara ricorrendo al subappalto c.d. “necessario” e/o “qualificante”, indicando un subappaltatore in possesso del relativo requisito, come pacificamente ammesso dalla giurisprudenza amministrativa (cfr. Consiglio di Stato, Sez. V, 04/06/2020, n. 3504; T.A.R. Milano, Sez. IV, 14/01/2021, n. 114; T.A.R. Torino, Sez. I, 05/01/2021, n. 9; T.A.R. Torino, Sez. I, 04/02/2020, n. 99).

    CHIARIMENTO N. 2
    Il disciplinare di gara prevede l’elaborazione di una offerta tecnica, senza indicare un limite di pagine massimo. Siamo a richiedere conferma che effettivamente non esiste un limite di pagine massimo per l’elaborazione del progetto tecnico.

    CHIARIMENTO N. 3
    Per l’attribuzione del punteggio tecnico per l’elemento B. MENU SOLIDALI 8max 21 punti) è richiesto di individuare nel menù ordinario (Allegato 2) una giornata da dedicare al menù sociale, composto per almeno il 50% dei prodotti alimentari provenienti da aziende di zone terremotate.
    Per poter effettuare correttamente il conteggio ed ottenere il relativo punteggio tecnico, siamo a richiedere quanto segue:
    1. Chiarire se per 50% dei prodotti alimentari della giornata da dedicare al menù solidare si intendono solo i primi piatti, secondi piatti, contorni, pane e frutta oppure devono concorrere anche lo spuntino di metà mattina e la merenda di metà pomeriggio ?
    2. chiarire cosa si intende con la dicitura “50% dei prodotti alimentari”.
    • Si intende che devono provenire da zone terremotate il 50% degli ingredienti (a numero) che formano le varie ricette della giornata prescelta? (per esempio, se la giornata è composta da preparazioni che impiegano complessivamente 20 ingredienti, basta offrire 10 o più ingredienti da zone terremotate?)
    • Oppure se per 50% dei prodotti alimentari si intendono i grammi che complessivamente formano la giornata prescelta? (per esempio, si devono sommare tutti i quantitativi degli ingredienti previsti per la giornata alimentare prescelta, ed offrire almeno il 50% del quantitativo in grammi con prodotti provenienti dalle zone terremotate?

    Esempio giornata scelta

    Primo piatto91 grammi di ingredienti
    Secondo piatto128 grammi di ingredienti
    Contorno159 grammi di ingredienti
    Pane20 grammi
    Frutta150 grammi
    TOTALE 548 grammi di ingredienti
    il 50% risulta essere 172 grammi di ingredienti
    Per ottenere il punteggio massimo è sufficiente offrire almeno 172 grammi di ingredienti di prodotti provenienti da aziende di zone terremotate”?


    Vi ringraziamo per la vostra disponibilità a fornire i suddetti chiarimenti.
    Cordiali saluti
     


    Risposta a QM 3099 Faq n° 10

    R1. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 3

    R2. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4

    R3. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
     
    12/02/2021 14:23
  11. 05/02/2021 11:31 - Nell’allegato tecnico N°3 al C.S.D.P. “Specifiche tecniche relative alle caratteristiche merceologiche ed igieniche delle derrate alimentari e non alimentari, dei pasti crudi semilavorati e delle preparazioni gastronomiche” Nella tabella denominata “ELENCO DEI PRODOTTI BIOLOGICI RICHIESTI (ogni qualvolta che sono presenti in menù) indicate tra le altre voci anche Legumi secchi (ceci, fagioli, lenticchie) e Pomodori pelati, passata di pomodoro. Mentre nella tabella denominata “ELENCO DEI PRODOTTI A 300 KM (Ogni volta che sono presenti nel menù) indicate tra le altre voci di nuovo Legumi secchi (ceci, fagioli, lenticchie) e Pomodori pelati normali, interi o non interi. Si chiede di confermare nel caso in cui di utilizzo di tali prodotti a 300 km se sono da considerarsi non biologici

    Risposta a QM 3163 Faq n° 11

    R. I legumi secchi (ceci, fagioli, lenticchie), i pomodori pelati normali, interi o non interi e passata di pomodoro devono essere biologici e prodotti a 300 Km.
     
    12/02/2021 14:24
  12. 05/02/2021 12:18 - In merito al criterio di valutazione dell’offerta tecnica A. Menù sociali, si chiede se, nella descrizione delle modalità di attribuzione del punteggio, laddove si fa riferimento a: “…per la preparazione di primi piatti fino ad un massimo di 4 somministrazioni/anno, 2 nel menu estivo e 2 nel menu invernale” si intenda che dovranno essere scelti, tra quelli indicati uno o più primi piatti e che in totale le somministrazioni di preparazioni con prodotti provenienti da agricoltura sociale (al 100% o 50% o 25%) possano essere un massimo di somministrazioni pari a 2 estive e 2 invernali, o se debbano essere un massimo di somministrazioni pari a 2 estive e 2 invernali per ognuno dei primi piatti elencati nel medesimo punto.
    Si resta in attesa di gradito riscontro.
    Cordiali Saluti


    Risposta a QM 3191 Faq n° 13

    R: Si rimanda ai chiarimenti forniti per il quesito n. 4
     
    12/02/2021 14:26
  13. 05/02/2021 12:56 - Nel Disciplinare, all’art. 18.2 Metodo di attribuzione del coefficiente per il calcolo del punteggio dell’offerta tecnicapunto A. MENÙ SOCIALI si dice che i prodotti alimentari provenienti da aziende che praticano l’agricoltura sociale, in ottemperanza alla Legge 141/2015 e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ), possono non essere biologici.

    Nello stesso punto però, più avanti, si sottolinea che “l’attribuzione del punteggio sarà effettuata in base alla:quantità dei prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ) le cui caratteristiche merceologiche devono corrispondere a quanto indicato all’Allegato tecnico n.3 del CSDP”.

    Alcuni prodotti presenti nelle ricette indicate dal disciplinare, secondo l’allegato tecnico n. 3 debbono essere biologici.

    Pertanto si chiede se  per i prodotti  di queste preparazioni provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ), si va in deroga, relativamente al biologico, alla prescrizione riportata della corrispondenza con le caratteristiche merceologiche dell’allegato tecnico n.3.

    Nell’attesa di gradito riscontro, porgiamo distinti saluti.


    Risposta a QM 3195 Faq n° 14

    R. Per la realizzazione dei menù sociali si deve tener conto di quanto indicato all’art. 79 del criterio a) del CSDP e all’Allegato tecnico n.3 al  CSDP.
     
    12/02/2021 14:28
  14. 05/02/2021 14:56 - Volevamo segnaòare che nell’allegato n° 1 – Centri Refezionali – Manca la pagina n° 62 – che dovrebbe contenere i nidi dil lotto 10 .Vogliate cortesemente pubblicarla

    Risposta a QM 3249 Faq n° 15

    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 9
     
    12/02/2021 14:30
  15. 08/02/2021 08:24 - Buongiorno,

    Con riferimento alla gara in oggetto, vi comunichiamo che avremo necessità di conoscere le seguenti informazioni relative al personale attualmente occupato al fine di poter effettuare una valutazione più realistica dei costi di nostra competenza secondo la normativa del CCNL per dipendenti da aziende del settore Turismo parte speciale Pubblici Esercizi del 20/02/2010 come da Capo XII – Norme per la ristorazione collettiva CAMBI DI GESTIONE art. 332 e seguenti:
     
    • numero degli addetti
    • livelli
    • anzianità di servizio
    • ore giornaliere svolte
    • eventuali maternità
    • eventuali contratti a termine
    • profilo professionale
    All’art. 24 del Disciplinare di gara “CLAUSOLA SOCIALE E ALTRE CONDIZIONI PARTICOLARI DI ESECUZIONE” è citato che il documento inerente al personale da assorbire è “depositato presso l’Ufficio proponente che contiene in forma anonima: il numero di unità, monte ore, CCNL applicato dall’attuale appaltatore/esecutore, qualifica, livelli retributivi, scatti di anzianità, sede di lavoro, eventuale indicazione dei lavoratori assunti ai sensi della legge 12 marzo 1999”.
    Con la presente siamo a richiedere la possibilità di pubblicare il suddetto documento oppure di indicare le modalità attraverso le quali è possibile prenderne visione e copia.

    Cordiali saluti


    Risposta a QM 3253 Faq n° 16

    R. Si rimanda alla lettura degli allegati tecnici nn. 1 e 11 al C.S.D.P.
     
    12/02/2021 14:31
  16. 08/02/2021 12:38 - In riferimento all’art.18.2 del Disciplinare di Gara, criterio A. Menu Sociali, siamo a richiedere se è corretto intendere che per ottenere il massimo punteggio (20 punti) è necessario proporre n.4 ricette all’anno, 2 nel menu estivo e 2 nel menu invernale, composte dal 100% di prodotti provenienti da operatori dell’agricoltura sociale, scelte tra le ricette indicate dalla Stazione Appaltante (n.102, 103, 104, 105, 107, 108, 109, 111, 123, 127). 

    In riferimento all’art.18.2 del Disciplinare di Gara, criterio B. Menu Solidali, siamo a richiedere se è corretto intendere che per ottenere il massimo punteggio (21 punti) è necessario proporre n.6 pranzi annui, 3 per il menu estivo e 3 per il menu invernale, composte dal 50% di prodotti alimentari provenienti da aziende di zone terremotate. Si richiede inoltre conferma che per giornata si intenda il pranzo.


    Risposta a QM 3359 FAQ n° 18
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
     
    16/02/2021 08:49
  17. 08/02/2021 14:42 - Come indicato all’art.24 del Disciplinare: “……in particolare i dati relativi al personale utilizzato nel contratto in corso di esecuzione, nel documento depositato presso l’Ufficio proponente che contiene in forma anonima: il numero di unità, monte ore, CCNL applicato dall’attuale appaltatore/esecutore, qualifica, livelli retributivi, scatti di anzianità, sede di lavoro, eventuale indicazione dei lavoratori assunti ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68, ovvero mediante fruizione di agevolazioni contributive previste dalla legislazione vigente. etc..”
    Con la presente siamo a chiedere le modalità per il ritiro della documentazione relativa al personale.

    In attesa di riscontro porgiamo distinti saluti.
     


    Risposta a QM 3449 FAQ n° 19
    R. Si rimanda alla lettura degli allegati tecnici nn. 1 e 11 al C.S.D.P.
     
    16/02/2021 08:52
  18. 08/02/2021 18:18 - Domanda
    a) in merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per I'introduzione di menu "sociali" realizzali con prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell'agricoltura sociale si chiede:
    1. -se possa essere scelta a discrezione dell'O.E. anche solo una tra le ricette (n" 102,103, 104, 105, 107, 1Og,
    1 09, 1 11 , 123, '127) da ripetere 2 volte nel menu estivo
    2. -se possa essere scelta a discrezione dell'O.E. anche solo una tra le ricette (n" 102, 105,104,105, 107, 108;
    109, 1'11,'123,127) da ripetere 2 volte nel menu invernale
    b) in merito al criterio di valutazione b.1 Progetto per I'introduzione di menu "solidali" realizzali con prodotti alimentari
    provenienti dalle aziende delle zone terremotate del centro ltalia D.L. 18912016 (max2l punti), si chiede:
    1. -se possa essere scelta, a discrezione dell'O.E. qualsiasi giornata riportata nell'allegato 2
    2. -se la giornata comprende anche gli alimenti secondari (es. pane, frutta)
    3. -se la giornata comprende anche la merenda
    4. -se la giornata comprende anche lo spuntino
    5. -cosa si intende esattamente per "50% dei prodotti": il 50% del numero dei prodotti che compongono le
    ricette? il50% riferito alpeso? il50o/o diogni prodotto che compone la ricetta? siprega di preseÀtare un
    esempio
    c) in merito al criterio di valutazione c.1 Prodotti DOP o IGP ulteriori rispetto a quelli previsti come obbligatori dal
    Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale (max 7 punti) si chiede:
    1. -se per ottenere il max punteggio vada, per ogni alimento, essere offerto il Coefficiente di ponderazione (CP)
    riportato nella tabella a pag.39 de ldisciplinare digara
    d) in rnerito all'arl.14 del Capitolato si chiede:
    1. - se il personale debba essere tarato in base al numero dei pasti riportati nell'allegato 1 al Capitolato, nella
    colonna "Totali pasti giornalieri"
    2. - se il personale debba essere tarato in base al numero dei pasti riportati nell'allegato I al Capitolato, nella
    colonna "Totali pasti giornalieri presunti in base al calo fisiologico delle presenze del15o/o"
    e) si chiede conferma che nella redazione dell'offerta tecnica
    - non vi siano limiti di pagine e carattere da utilizzare
    - non vi sia limite nel numero dei file da caricare a sistema


     


    Risposta a QM 3422 FAQ n° 21
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4

     
    16/02/2021 08:55
  19. 09/02/2021 10:25 - Gent.mi,
    vi sono limiti di pagine per la stesura del progetto?


    Risposta a QM  3487 FAQ N° 25
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
     
    16/02/2021 09:06
  20. 08/02/2021 11:13 - Buongiorno,
    si chiede

    in merito all’art. 7.2 requisiti di capacità economica finanziaria 
    se per ristorazione collettiva si possono considerare “servizi di bar tavola calda” all'interno di bar ospedali, mense aziendali e atenei universitari, dove tutto il fatturato deriva da incassi in contanti e ticket come buoni pasto, (considerato che non sono esercizi pubblici di strada)? E quindi se il requisito viene soddisfatto anche dal fatturato derivante da tali servizi?

    in merito alla presentazione dei documenti di gara 
    conferma che solo il Passoe e il contributo ANAC è da produrre per ciascun lotto, al contrario la restante documentazione può essere prodotta univoca per tutti i lotti di partecipazione. 

    Grazie

    Cordiali Saluti


    Risposta a QM  3332 FAQ n° 17

    R. No, si rimanda alla lettura del disciplinare al punto 7.2 in cui si descrivono i servizi analoghi.

    R. Si rimanda alla lettura dei punti 13 e 15 del Disciplinare di Gara.

     
    16/02/2021 17:48
  21. 08/02/2021 17:14 - Buonasera,
    Si chiede se in caso di avvalimento dei requisiti di capacità economica e finanziaria di cui all’art 7.2  lett. e) del Disciplinare di Gara, nonché dei requisiti di capacità tecnica e professionale di cui all’ art. 7.3 lett. g1) del Disciplinare di Gara, in caso di partecipazione a più lotti possa essere prodotto un unico contratto di avvalimento con indicazione dei lotti ai quali si intende partecipare oppure sia necessario produrre un contratto di avvalimento per ogni lotto al quale si intende partecipare.
    Cordiali saluti


    Risposta a QM 3421 FAQ n° 20

    R. “Il concorrente che intende partecipare ricorrendo all’istituto dell’avvalimento deve, a pena di esclusione, presentare per ciascun lotto le dichiarazioni nonché il contratto ivi previsti” così come indicato alla Sez. VI.3 del bando di gara.

    17/02/2021 09:44
  22. 05/02/2021 11:55 - Buongiorno,
    inviamo di seguito richiesta di chiarimenti per la procedura in oggetto:
    1. In riferimento all’art. 10 del Disciplinare di Gara “GARANZIA PROVVISORIA” si chiede di specificare se la stessa debba riportare l’autentica della sottoscrizione (come richiesto al punto 7) o se sia sufficiente allegare la dichiarazione sostitutiva del fidejussore che attesti il potere di impegnare con la sottoscrizione la società fidejussore nei confronti della stazione appaltante  (come richiesto al punto 8)
    2. In riferimento all’art. 15.1 del Disciplinare di Gara “DOMANDA DI PARTECIPAZIONE” si chiede di confermare che, nel caso di partecipazione a più lotti, il modello di domanda e il mod.F23 per l’imposta di bollo debbano essere unici.
    In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti
     


    Risposta a QM 3190 FAQ n° 12
    R. 1 Si conferma che, come riportato al punto 8 del paragrafo 10 del Disciplinare di gara, la garanzia provvisoria dovrà “essere corredata da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio del fideiussore che attesti il potere di impegnare con la sottoscrizione la società fideiussore nei confronti della stazione appaltante” e che pertanto non è necessaria l’autentica notarile.

    R. 2 Qualora il concorrente decida di partecipare a più lotti; può presentare un’unica domanda di partecipazione (Preferibilmente secondo il “Modello domanda di partecipazione integrata” con indicazione di tutti i lotti per i quali si vuol concorrere, e dei relativi oggetti e C.I.G.;
    Il concorrente sarà tenuto ad effettuare il pagamento dell’imposta di bollo pari ad € 16,00 (mediante l’utilizzo del modello F23 e secondo le modalità previste al punto 15.1 del Disciplinare di gara) per ogni lotto per il quale vuole partecipare. Inoltre, la comprova del pagamento dell’imposta di bollo potrà avvenire (come già disposto al punto 15.1 del Disciplinare di gara) anche attraverso la scansione del documento portante le marche da bollo annullate, per ciascun lotto per il quale si vuole partecipare, sottoscritto digitalmente ed inserito nella busta “A”
     

    17/02/2021 10:07
  23. 08/02/2021 18:28 - Gent.mi Signori,
     
    1. In merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per l’introduzione di menu “sociali” si chiede conferma che l’attribuzione del massimo punteggio sarà disposta a favore del concorrente che si impegna ad offrire il 100% dei prodotti/ingredienti provenienti da operatori di agricoltura sociale o iscritti nella LAQ per un massimo di 4 primi piatti (individuati e scelti dal concorrente tra quelli citati a pagina 37 del Disciplinare: “n°102, n°103, 104, 105, 107, 108,…”) che saranno somministrati 2 volte nel menu estivo e 2 volte nel menu invernale (totale 4 somministrazioni/anno).
    2. In merito ai criteri a.1 Progetto per l’introduzione di menu “sociali” e b.1 Progetto per l’introduzione di menu “solidali”, in riferimento alla presentazione della dichiarazione di impegno di fornitura che deve indicare la quantità offerta per ogni prodotto, si chiede come comportarsi per quei prodotti per cui non viene indicata la grammatura (per esempio per aglio e rosmarino nella ricetta N° 102, dove viene indicato “q.b.”). È corretto intendere che nella dichiarazione per questi prodotti privi di dettaglio della grammatura non sia necessario indicare la quantità?
    3. In merito al criterio di valutazione c.1 Prodotti DOP o IGP ulteriori rispetto a quelli previsti in C.S.D.P si chiede conferma che, come previsto anche per criteri a.1, b.1, c.2 e c.3 (art. 18.2 del Disciplinare), la somministrazione dei prodotti è prevista per tutte le scuole e per tutte le tipologie di utenze ricomprese nel lotto, ad esclusione dei nidi.
    4. In merito alla compilazione del Modello n. 5, relativamente alle tabelle dei prodotti dell’agricoltura sociale e provenienti da zone terremotate, si chiede di specificare come debba essere compilata la colonna “marchio”. Si tratta dell’indicazione del fornitore o altro?  
    5. In merito al Criterio di valutazione b.1, si chiede se il 50% è da intendersi sul numero dei prodotti/ingredienti previsti da ciascuna ricetta o sulla quantità erogata di prodotto/ingrediente?
    6. Capitolato art. 4: In riferimento alle operazioni di “raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti provenienti dai locali di produzione e di consumo dei pasti e convogliamento degli stessi presso i punti di raccolta”, si chiede conferma che tasse e oneri relativi allo smaltimento dei rifiuti rimangono in carico alla Committente. In caso contrario, per una corretta valutazione dei costi, si richiede di fornire (per ogni lotto), sulla base dello storico degli ultimi anni, indicazione dell’ammontare annuale delle tasse rifiuti a carico dell’OEA.  
    7. Capitolato art. 14: Si legge che “Resta inteso che l’O.E.A. deve assicurare altresì un adeguato numero di personale per lo svolgimento di tutte le attività connesse, comprese quelle di distribuzione degli spuntini di metà mattina e delle merende di metà pomeriggio, nonché di rigoverno dei refettori infraturno e di fine servizio, di lavaggio delle stoviglie ecc., a prescindere dalla suddivisione in turni di distribuzione dei pasti”. In merito si chiede conferma che i parametri per l’organizzazione del personale esposti nelle tabelle (riportate da pag. 16 a 20 del Capitolato) siano da intendersi già comprensivi di tutte le attività, incluse quelle accessorie come rigoverno, pulizia, lavaggio, trasporto, etc.
    8. Capitolato art. 16: Si legge che “Ogni O.E.A. dovrà assegnare ad un Responsabile Operativo del Servizio un numero massimo di 5 centri refezionali scolastici e ad un Responsabile Operativo del Servizio un numero massimo di 8 strutture educative (nidi)”. In merito si chiede conferma che sia corretto intendere che ad ogni Responsabile Operativo del Servizio possono essere affidate contemporaneamente un massimo di 13 strutture, cioè 5 centri refezionali scolastici e 8 nidi.        
    9.  In merito ai requisiti di partecipazione, si chiede se sia possibile dimostrare il requisito di idoneità per i servizi di disinfestazione e derattizzazione mediante il ricorso al c.d. subappalto necessario.
                In caso di risposta affermativa, si chiede di confermare che il concorrente dovrà presentare nella busta A la documentazione di qualificazione e del possesso dei requisiti del subappaltatore.

           10) In merito ai requisiti di partecipazione, si chiede se sia possibile dimostrare il requisito di capacità economico finanziaria relativamente al servizio di riparazione e manutenzione vari mediante il ricorso al c.d. subappalto   necessario  In caso di risposta affermativa, si chiede di confermare che il concorrente dovrà presentare nella busta A la documentazione di qualificazione e del possesso dei requisiti del subappaltatore.

    Cordiali saluti.



     



    Risposta a QM 3471 FAQ N° 22
    R1. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    R2. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    R3. E’ da intendersi
    per tutti gli utenti delle scuole, dei nidi e del personale docente
    R4. Nella colonna “marchio” è necessario indicare il nome del produttore
    R5. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    R 6. Si rimanda alla lettura dell’art. 4 del C.S.D.P. in cui è specificato che sono a carico dell'OEA le attività di raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti provenienti dai locali di produzione e di consumo dei pasti e convogliamento degli stessi presso i punti di raccolta
    R 7. I parametri esposti nelle tabelle dell’art. 14 del C.S.D.P. sono da intendersi comprensivi anche di tutte quelle attività “accessorie” definite come “servizi connessi”. Come indicato al primo capoverso del predetto articolo, le tabelle indicano il numero minimo di personale e di ore giornaliere da dedicare al servizio. E come stabilito al terzo capoverso, l’O.E.A. è tenuto ad incrementare sia il monte ore che il numero del personale laddove ciò sia necessario per garantire l’erogazione del servizio.
    R 8. Al terzo capoverso dell’art. 16 del C.S.D.P. sono individuati due responsabili operativi del servizio: un responsabile operativo del servizio al quale può essere attribuito un numero massimo di cinque centri refezionali e un altro responsabile del servizio al quale potrà essere attribuito un numero massimo di otto strutture educative (nidi).
    R. 9 Si specifica che all’atto dell’offerta il concorrente indica le parti del servizio/dei servizi che intende subappaltare così come stabilito al punto 9 del Disciplinare di Gara. Per quanto riguarda il requisito di cui al punto 7.1 lett. b) esso deve essere posseduto dall’impresa a cui il concorrente intende subappaltare i servizi di disinfestazione e derattizzazione e va dichiarato nel DGUE.

    R. 10 Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito precedente. Per quanto riguarda il requisito di cui al punto 7.2 lett. e) esso deve essere posseduto dall’impresa a cui il concorrente intende subappaltare i servizi di riparazione e manutenzione vari e va dichiarato nel DGUE.





     
    19/02/2021 18:32
  24. 09/02/2021 09:34 - Con la presente per formulare i seguenti quesiti:
    1) In relazione ai criteri dei punti A. MENÙ SOCIALI e B. MENÙ SOLIDALI, laddove si fa riferimento alla percentuale dei prodotti offerti, si chiede se essa si riferisca alla percentuale della somma del peso dei prodotti di ciascun piatto che vengono offerti o alla percentuale del numero dei prodotti stessi per ciascun piatto offerti. 
    2) È giusta l’interpretazione che, nell’Allegato tecnico n. 3 relativamente alle caratteristiche merceologiche dell’olio extravergine di oliva  si richieda che esso sia soltanto biologico e non anche dop? 
    Si resta in attesa di gradito riscontro.
    Cordiali Saluti


    Risposta a QM 3479 FAQ N° 23
    R1. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    R.2 In merito alle caratteristiche merceologiche dell’olio extravergine di oliva di cui all’Allegato tecnico n. 3 si chiarisce che tale prodotto deve essere soltanto biologico
     
    19/02/2021 18:34
  25. 09/02/2021 09:56 - Buongiorno,

    Con riferimento alla gara in oggetto, con la presente, siamo a sottoporre i seguenti chiarimenti:

    - In riferimento all’Art. 7.2 del Disciplinare di gara “REQUISITI DI CAPACITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA” alle lettere D) ed E) si fa riferimento alla comprova del requisito relativo al fatturato specifico medio annuo tramite fattura oppure contratti sottoscritti digitalmente. Si chiede, dunque, nel caso si disponga di contratti con firma olografa se tali contratti possano essere utilizzati in copia conforme all’originale per comprovare i requisiti richiesti;

    - In riferimento alla Busta A “Documentazione amministrativa” si specifica che la domanda di Partecipazione dev’essere presentata con imposta di bollo da € 16,00. Si chiede, dunque, se l’imposta di bollo dev’essere assolta in via forfettaria oppure debba considerarsi per ogni 4 pagine del modello oppure per ogni lotto di riferimento della gara.

     


    Risposta a QM 3479 FAQ N° 24
    -R. Si rimanda al punto 7.2 del Disciplinare di Gara
    - R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 12
    19/02/2021 18:36
  26. 09/02/2021 11:14 - Buongiorno,
    la presente per sottoporre alla Vostra attenzione le seguenti richieste di chiarimenti:
    • Con riferimento al requisito di capacità economica e finanziaria di cui al punto 7.2 lett. d) del Disciplinare (Fatturato specifico medio annuo, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, per servizi analoghi di ristorazione collettiva non commerciale riferito agli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili (2017/2018/2019)), si chiede se, per una società con esercizio finanziario dal 1/10 al 30/09, per ultimi tre esercizi finanziari disponibili debbano intendersi gli esercizi 2017/2018 - 2018/2019 - 2019/2020 o se debbano viceversa considerarsi gli esercizi espressamente indicati nel disciplinare, ossia, per una società con esercizio finanziario dal 1/10 al 30/09, gli esercizi 2016/2017 - 2017/2018 - 2018/2019;
    • Con riferimento al DGUE si chiede se sia possibile produrre in gara il file in formato .pdf sottoscritto digitalmente del modello DGUE editabile di cui allo schema allegato al DM del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 18 luglio 2016 e.s.m.i. scaricato dal sito http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/documento-di-gara-unico-europeo-dgue, anziché il DGUE generato dal sistema a seguito della compilazione a video dello stesso sul portale “TuttoGare”;
    • Si pone lo stesso quesito di cui al punto precedente in particolare in caso di partecipazione alla gara nella forma del raggruppamento o in caso di avvalimento. In caso di partecipazione in RTI o con avvalimento infatti il DGUE deve essere presentato da tutti gli operatori economici componenti il raggruppamento e dall’ausiliaria. Tuttavia, come descritto nel manuale ‘Norme tecniche di utilizzo’ le imprese mandanti di RTI, per poter utilizzare il Compilatore della Piattaforma per la configurazione del DGUE di risposta a quello predisposto dall’Ente, dovrebbero registrarsi sul Sistema sebbene ciò non sia necessario per la partecipazione. Il Disciplinare e lo stesso sistema prevedono infatti che in caso di partecipazione nella forma di raggruppamento la registrazione al portale sia obbligatoria unicamente per l'Operatore Economico Mandatario e non anche per gli Operatori Economici Mandanti. Analogamente l’ausiliaria dovrebbe registrarsi sulla piattaforma al solo fine della configurazione a video del DGUE.
    In attesa di Vostro cortese riscontro, porgiamo cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 3482 FAQ N° 26
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 5
    R. Si rimanda al punto 15 del Disciplinare di Gara
    R. Si rimanda al punto 13 del Disciplinare di Gara
    19/02/2021 18:40
  27. 09/02/2021 13:26 - Con la presente si richiedono i seguenti chiarimenti alla procedura in oggetto:
    Chiarimento N.1 
    Relativamente al sub criterio di valutazione dell’offerta tecnica a.1) inerente l’introduzione di menù sociali, si chiede di voler meglio specificare cosa debba intendersi per “prodotti alimentari che possono non essere biologici o altrimenti qualificati” (come specificato al punto a.1).
    A tal proposito si fa sommessamente osservare che gli alimenti componenti le ricette dei primi piatti candidati alla sostituzione dei prodotti (nn. 102, 103, 104, 105, 107, 108, 109, 111, 123, 127), ai fini del conseguimento del relativo punteggio premiante, sono, con eccezione della pasta, tutti provenienti da agricoltura biologica (come da Allegato Tecnico n.3).
    Pertanto, la sostituzione di questo unico ingrediente - che può non essere biologico - con una referenza proveniente da aziende che praticano l’agricoltura sociale, non parrebbe sufficiente a raggiungere la quota necessaria al conseguimento del massimo punteggio.
    Ove invece la formulazione letterale del criterio dovesse intendersi nel senso che sia consentita anche la sostituzione di prodotti biologici con altri non biologici purché provenienti da agricoltura sociale, si prega volerne dare conferma al fine di poter correttamente interpretare la modalità di accesso al criterio di valutazione.

    Chiarimento N.2
    Relativamente ai sub criteri di valutazione dell’offerta tecnica a.1) e b.1) inerenti, rispettivamente, l’introduzione di menù sociali e di menù solidali, si chiede se gli alimenti offerti in sostituzione possano derogare alle caratteristiche merceologiche riportate nell’Allegato 3 
    per aspetti riguardanti la tipicità (ad es. la sostituzione di prodotti DOP o IGP);
    ovvero riguardanti le metodiche di produzione e confezionamento (ad es. Pomodori pelati da agricoltura sociale “in bottiglia” in sostituzione di quelli “in latta o bag in box”, sistemi di confezionamento tipici della grande industria alimentare);

    Chiarimento N.3
    Poiché nell’Allegato N.3, alla pagina 36, è riportata la dicitura: “OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BIOLOGICO DOP”, si chiede conferma che l’olio extra vergine di oliva richiesto per l’esecuzione del servizio debba essere biologico e non al contempo DOP.

    Chiarimento N.4
    Si chiede conferma che per la redazione dell’offerta tecnica il concorrente possa impiegare un format libero di impaginazione con riferimento 
    al numero delle pagine;
    all’utilizzo dei font e delle loro dimensioni.

    Chiarimento N.5
    Relativamente al caricamento dei file costituenti la Busta B nella piattaforma TuttoGare, si chiede se vi sia un limite di peso in MB per il caricamento degli stessi atteso anche il presumibile volume generato da allegati richiesti, quali i contratti preliminari che saranno costituiti da scansioni di originali.
    Cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 3539 FAQ N° 27
    R 1. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 14
    R 2. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 14
    R3. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 23
    R 4. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    R 5. No, non sono previsti limiti di peso in MB. Qualora il concorrente dovesse riscontrare difficoltà nel caricare i file potrà contattare l’help desk attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 attraverso la sezione “supporto” del portale TuttoGare




     
    19/02/2021 18:45
  28. 09/02/2021 13:51 - Buongiorno,
    si richiede cortese conferma che anche nella presente procedura trova applicazione l’art. 93 “Garanzie per la partecipazione alla procedura”, comma 7, del DLGS 50/2016, così come integrato dal Decreto Legislativo n. 56 del 19/04/2017, in particolare per quanto segue: "Si applica la riduzione del 50 per cento, non cumulabile con quella di cui al primo periodo, anche nei confronti delle microimprese, piccole e medie imprese e dei raggruppamenti di operatori economici o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese."
    Grazie e cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 3574 FAQ N°28
    R. Si rimanda alla lettura del punto 10 del Disciplinare di gara
     
    19/02/2021 18:46
  29. 10/02/2021 09:16 - Spettabile Amministrazione,
    siamo a presentare i seguenti quesiti/richiesta chiarimenti, in merito alla procedura oggetto di gara:

    1)            Conferma che tutti gli OMISSIS presenti nella lex specialis siano un mero refuso, da non considerarsi come mancanza effettiva di contenuti relativi alla procedura di gara.

    2)            Si chiede di confermare che per la procedura in oggetto non sia previsto il sopralluogo. In caso affermativo si chiede un elenco dettagliato dello stato manutentivo di locali e attrezzature concesse in uso per il servizio di cui all’appalto.

    3)            In caso di partecipazione in RTI con ditte specializzate per le attività di derattizzazione/disinfestazione e manutenzione, si chiede di specificare come siano stati determinati i valori delle attività secondarie indicate da bando;
    in merito alle sole manutenzioni si chiede inoltre se, qualora un operatore economico, in fase esecutiva si trovasse a superare la soglia presunta da bando per attività manutentive (che incide anche nella composizione e nelle percentuali del RTI) come queste attività vengano corrisposte dalla Stazione Appaltante, atteso che non rientrerebbero più negli oneri presunti dalla lex specialis.

    Grazie per la collaborazione.
     


    Risposta a QM 3607 FAQ N° 29
    R 1. Sì
    R 2 . Sì. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n.  7
    R3. Si rimanda alla lettura della relazione tecnico illustrativa allegata agli atti di gara.


     
    19/02/2021 18:48
  30. 10/02/2021 10:15 - 1 Si chiede di confermare se il concorrente, privo dei requisiti specifici delle prestazioni secondarie di cui al punto 7.1 lettera b) e al punto 7.2.lettera e), possa legittimamente partecipare alla gara indicando, per ciascuna delle suddette attività secondarie;
    1. La volontà di avvalersi di un subappaltatore in possesso dei requisiti richiesti;
    2. Il nominativo del subappaltatore e i relativi requisiti posseduti.
    Ciò anche alla stregua di quanto definito dal disciplinare e tenuto conto delle pronunce dell’ANAC e del Consiglio di Stato in materia di subappalto “necessario” o “qualificante” in materia di servizi (cfr. ANAC il 4 febbraio 2015 AG/1/2015/AP e Cons. Stato, sez. V, 21 novembre 2012, n. 5900).
    2. Si chiede di confermare se il concorrente, privo del requisito di capacità tecnica e professionale di cui al punto 7.3 g1), limitatamente alla tipologia delle prestazioni secondarie, possa legittimamente partecipare alla gara indicando, per ciascuna delle suddette attività secondarie;

    a)        La volontà di avvalersi di un subappaltatore in possesso dei requisiti richiesti;
    b)        Il nominativo del subappaltatore e i relativi requisiti posseduti.

    3 Nell’art. 18.2 lettera a1) del Disciplinare di gara viene stabilito che il “concorrente dovrà prevedere per la preparazione dei piatti di seguito indicati n° 102, 103, 104, 105, 107, 108, 109, 111, 123, 127 descritte nell’allegato tecnico n.2, con derrate provenienti da operatori dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte alla rete di lavoro agricolo di qualità (LAQ).”
    In considerazione del fatto che nella tabella di attribuzione del punteggio viene previsto il punteggio massimo (20 punti) riferito alla preparazione di primi piatti con il 100% di prodotti provenienti da operatori dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte alla rete di lavoro agricolo di qualità (LAQ), fino ad un massimo di 4 prestazioni/anno, 2 nel menù estivo e 2 nel menù invernale, si chiede di chiarire se in sede di offerta tecnica il concorrente debba produrre la documentazione relativa alle 10 ricette sopra menzionate, oppure solo alle quattro che contribuiscono alla attribuzione del punteggio.
    4. Nell’art. 18.2 lettera b1) del Disciplinare di gara viene prevista l’attribuzione del punteggio al concorrente che prevede l’introduzione di prodotti alimentari delle aziende delle zone terremotate del Centro Italia all’interno del menù ordinario
    Si chiede di chiarire se la richiesta di almeno il 50% dei prodotti alimentari delle aziende delle zone terremotate del Centro Italia sia da riferirsi al numero di prodotti utilizzato oppure al peso totale dei prodotti del menù offerto.

     


    Risposta a QM 3654 FAQ N° 30
    R.1a) Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 22
    R. 1b) Si rimanda al riscontro fornito per il quesito n. 3
    R. 2 a) Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 22
    R. 2 b) Si rimanda al riscontro fornito per il quesito n. 3
    R. 3. Si rimanda al riscontro fornito per il quesito n. 4
    R. 4. Si rimanda al riscontro fornito per il quesito n. 4



     
    19/02/2021 18:54
  31. 10/02/2021 12:42 - a) In merito ai requisiti di partecipazione: -eventuali prestazioni di pronto intervento e piccola manutenzione -importo derattizzazione e disinfestazione
    si chiede se tali requisiti possano essere soddisfatti attraverso dichiarazione di subappalto ad imprese che possiedano tali requisiti.
    b) In merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per l’introduzione di menu “sociali” realizzati con prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale. Il disciplinare dettaglia le ricette da approntare relativamente ai prodotti. Si chiede se tutte le derrate che compongono la ricetta devono essere costituite da prodotti alimentari provenienti da operatori nazionali dell’agricoltura sociale, ossia se anche prodotti non ortifrutticoli (es. olio, pasta, parmigiano reggiano) debbano provenire da operatori dell’agricoltura sociale e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ)
     


    Risposta a QM 3683 FAQ n° 31
    R. a) Sì, si rimanda ai riscontri fornito per il quesito n. 3 e per il quesito n. 22
    R.b) Si rimanda al riscontro fornito per il quesito n. 2
     
    19/02/2021 18:59
  32. 10/02/2021 17:22 - 1 – Nell’allegato 1 al CSPD “Elenco Centri Refezionali e Pasti previsti” al Lotto n° 5 Municipio X  nell’elenco Scuole Infanzia comunali dite che la Scuola Pegaso di via Francesco menzio 299 (399) terminale di consumo riceve i pasti dalla scuola Infanzia Statale mensio  che non risulta presente in nessun I.C. del Lotto  vogliate chiarire da quale scuola si producono i pasti
    2 – Al lotto 7 Municipio IV   I.C. Balabanof dite che la Scuola Secondaria di Via Balabanoff 62 è a Domada individuale vogliate charire se in questa scuola il servizio mensa viene effettuato solo per chi chiede il pasto al mattino 
    3 -Al lotto 7 Municipio IV I.C. Poppea Sabina dite che il plesso Infanzia Statale è da attivare , vogliate chiarire per quando è prevista l’attuvazione ed indicare il numero dei pasti
    4 – Lotto 10 Municipio XIII – in questo lotto manca la pagina con l’elenco dei nidi
    5- Lotto 13 Municipio XV I.C. Petracchi plesso Infanzia Comunale Zandonai indicate il numero degli iscritti ma non il numero dei pasti , vogliate chiarire se il servizio di ristorazione è attivo e quindi indicare il numero dei pasti 
    in attesa di riscontro, salutiamo cordialmente


    Risposta a QM 3743 FAQ n° 32
    R.1.Il centro cottura della scuola Scuola Pegaso di via Francesco Menzio 299 è situato in via Menzio 293; non afferisce a nessun Istituto Comprensivo
    R.2 Si conferma che per la scuola Balabanoff secondaria il servizio è a domanda individuale. Pertanto è attivato dall’Istituzione scolastica e riguarda un numero di alunni che in base al Progetto Formativo frequentano le attività pomeridiane integrative. Non è a richiesta giornaliera del singolo alunno/utente
    R.3 Per quanto riguarda l’I.C. Poppea Sabina si tratta di un asilo nido ma la struttura al momento non è attiva
    R. 4 Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 9
    R.5 Si. Il servizio per la scuola dell’infanzia Comunale Zandonai è attivo e per mero errore materiale non è riportato il numero dei pasti che si stima in 160. Di conseguenza considerando il tasso di assenza il numero stimato di pasti per il plesso Zandonai è di 370 e per l’I.C. Petracchi è di 580. Pertanto per il Lotto 13 il totale pasti giornalieri è 6.749.




     
    19/02/2021 19:16
  33. 10/02/2021 18:44 - SI chiede cortesemente di chiarire quanto segue per l’attribuzione del punteggio tecnico B. MENU SOLIDALI:
    1) si chiede di chiarire se sia obbligatorio indicare anche la gioranta individuata nel menù ordinario (ALL. 2), (oltre a tutte le indicazioni previste dal disciplinare come la dichiarazione legale rappresentante, tipologie, quantità dei prodotti, contratti preliminari, ecc.);
    2) nell’allegato 3 tabelle merceologiche, sono previsti prodotti non prevista mai nelle ricette del menù ordinario, negli spuntini, nei cestini freddi (per es.Caciotta mista: da latte vaccino e latte di pecora -minimo 30%-. Stagionatura 20 – 30 giorni), questa tipologia di prodotti è prevista sempre e solo caciotta dolce.
    Questi prodotti possono concorrere alla formulazione del menù solidale e contemporaneamente anche essere contemplati nel progetto di comunicazione?
    Cordiali saluti


    Risposta a QM 3744 FAQ n° 33
    R. 1) Sì, è necessario indicare la giornata individuata per il menu solidale.
    R.2) Si rimanda ai menu indicati nell’Allegato Tecnico 2 del CSDP.

     
    19/02/2021 19:19
  34. 11/02/2021 10:04 - Buongiorno
    in riferimento al Capitolato speciale descrittivo e prestazionale_ art. 14 Organico e reintegro del personale, si chiede conferma che per utenti iscritti si faccia riferimento alla penultima colonna dell’allegato 1 “Totale pasti giornalieri” che considera la media dei pasti giornalieri di alunni, insegnanti e personale di sostegno, e pertanto l’organico minimo (ore e teste) debba essere parametrato sul “Totale pasti giornalieri” (penultima colonna dell’allegato 1).

    Grazie


    Risposta a QM 3785 FAQ n° 34
    R. Si rimanda alla lettura dell’art. 14 del C.S.D.P. Si precisa che numero minimo di personale e di ore giornaliere deve essere assicurato in funzione del numero degli utenti iscritti al servizio.
     
    19/02/2021 19:21
  35. 11/02/2021 16:19 - In riferimento al paragrafo 7.2) del disciplinare di gara “REQUISITI DI CAPACITA’ ECONOMICA E FINANZIARIA” al punto d) Fatturato specifico medio annuo, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, per servizi analoghi di ristorazione collettiva non commerciale riferito agli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili (2017/2018/2019) dite che :”La comprova del requisito relativo al fatturato specifico medio annuo è fornita, ai sensi dell’art. 86,comma 4 e all. XVII parte I, del Codice, mediante: - fatture e/o contratti, sottoscritti digitalmente ai sensi dell’art. 22 del D. Lgs. n. 82/2005 e s.m.i. Comprovanti l’avvenuta esecuzione di servizi analoghi nel settore oggetto della gara realizzati negli esercizi di seguito indicati (2017/2018/2019)”
     E in riferimento al paragrafo 7.3) del disciplinare di gara “REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE” al punto g1) Esecuzione negli ultimi tre anni antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando dei principali seguenti servizi analoghi dite: ”Il concorrente deve per ciascun lotto cui partecipa produrre la dichiarazione attestante l’elenco dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni, antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando, con indicazione dei rispettivi importi, date e destinatari, pubblici o privati. N.B. La suddetta elencazione dei principali servizi analoghi prestati negli ultimi tre anni deve riferirsi a tutte e tre le tipologie di prestazione. La comprova del requisito sub g1), è fornita secondo le disposizioni di cui all’art. 86 e all’allegato XVII, parte II, del Codice. In caso di servizi prestati a favore di pubbliche amministrazioni o enti pubblici mediante una delle seguenti modalità: - originale o copia conforme dei certificati rilasciati dall’amministrazione/ente contraente, con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione, sottoscritti digitalmente ai sensi dell’art. 22 del D. Lgs. n. 82/2005 e ss.mm.ii.; In caso di servizi prestati a favore di committenti privati, mediante una delle seguenti modalità: - originale o copia autentica dei certificati rilasciati dal committente privato, con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione, sottoscritti digitalmente ai sensi dell’art. 22 del D. Lgs. n. 82/2005 e ss.mm.ii.; - dichiarazioni di privati ovvero fatture e/o contratti per servizi prestati a favore di questi ultimi, sottoscritti digitalmente ai sensi dell’art. 22 del D. Lgs. n. 82/2005 e ss.mm.ii.”
    Vi chiediamo di chiarirci se In relazione al possesso dei suddetti requisiti, in sede di gara, vale il principio di autocertificazione in virtù del quale è sufficiente che l'operatore economico renda una dichiarazione nel DGUE relativa agli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni e dei dati richiesti con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione dei servizi analoghi eseguiti nei trienni antecedenti richiesti. E quindi solo ai fini dell'aggiudicazione, la comprova del suddetto requisito, è fornita secondo le disposizioni di cui all’art. 86 e all’allegato XVII, parte II, del Codice
     


    Risposta a QM 3927 FAQ n°36
    R. Sì, la comprova del suddetto requisito è fornita secondo le disposizioni di cui all’art. 86 e all’allegato VII del Codice
    19/02/2021 19:22
  36. 11/02/2021 16:32 - Buonasera, con la presente vogliamo segnalare come nell’allegato 1 centri refeziona, risulta assente la pagina 62 relativa alle informazioni dei nidi presenti nel lotto 10.
    Cordiali saluti
     


    Risposta a QM 3928 FAQ n° 37
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 9
    19/02/2021 19:24
  37. 11/02/2021 16:46 - Spett.le Ente,

    con riferimento alla presente procedura di affidamento:
    • considerata la suddivisione in 15 lotti della procedura, la molteplicità dei servizi richiesti nonché l’estensione geografica su tutto il territorio della capitale,
    • valutata anche la particolarità della situazione dovuta all'emergenza sanitaria in corso e all’impossibilità di effettuare i sopralluoghi presso gli spazi ove verrà eseguito il servizio,
    • preso atto della complessità della gara in oggetto e del progetto tecnico richiesto, data anche dalla tipologia di utenti finali oltre che dall’imprescindibile coinvolgimento di fornitori esterni al fine fornire quanti più possibili prodotti alimentari provenienti da agricoltura sociale, LAQ, biologici, DOP/IGP e sempre nel rispetto dei CAM, 
    • considerata la necessità di svolgere un’analisi attenta e scrupolosa analisi delle specifiche esigenze della stessa Stazione Appaltante, che consenta di formulare un’offerta tecnica congrua e competitiva rispetto agli oneri da sostenere,
    tanto premesso, al fine di consentire la redazione di una offerta tecnico-economica qualitativamente adeguata si rivolge cortese

    ISTANZA DI PROROGA

    del termine ultimo di ricezione dell’offerta (previsto per il giorno 4 Marzo 2021) chiedendo che tale proroga sia congrua alla situazione descritta nelle premesse e, comunque, non inferiore a 20 giorni.

    Certi che Codesto Spett.le Ente converrà che la concessione di tale proroga consentirà alla stessa Stazione Appaltante di ricevere delle offerte tecnico-economiche maggiormente confacenti alle proprie esigenze, si rimane in attesa di gentile riscontro e si porgono

    Cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 3942 FAQ n° 38
    R. L’istanza di proroga non può essere accolta. Il termine per la presentazione dell’offerta è fissato per il giorno 4 marzo 2021.
     
    19/02/2021 19:25
  38. 11/02/2021 15:43 - Con la presente la società Gestione Servizi Integrati srl richiede i chiarimenti di seguito riportati.
    1. Si chiede di confermare che il concorrente che al punto C1 dell’articolo 18.2 propone come offerta migliorativa un determinato prodotto DOP/IGP, nelle giornate in cui è prevista la realizzazione di “menu solidale” può utilizzare la stessa derrata prodotta nel cratere sismico, conforme a tutti i requisiti dell'allegato 3 ma, in deroga all'offerta migliorativa, cioè non DOP/IGP.



    2.Si chiede di confermare che il segno posto sulla scritta DOP nell’allegato 3 in merito all’olio biologico sta ad indicare una cancellatura e che quindi sia ammesso olio di oliva extravergine Biologico anche senza marchio di qualità DOP.





    3. Si chiede di confermare se
    a) i prodotti da agricoltura sociale impiegati nelle 4 somministrazioni/anno debbano avere tutti i requisiti merceologici previsti nell’allegato 3, incluso le qualifiche BIO e DOP/IGP quando richieste,
    ovvero
    1. b) i prodotti da agricoltura sociale impiegati nelle 4 somministrazioni/anno debbano avere tutti i requisiti merceologici previsti nell’allegato 3, escluse le qualifiche BIO e DOP/IGP



    4.Si chiede di confermare se nella preparazione dello spuntino “Panino all’olio con marmellata di frutta”, essendo prevista, nelle tabelle dietetiche presenti nell’Allegato 2, una grammatura differente per tipologia di utenti (ponte, infanzia e primaria 1^ e 2^ classi gr. 15 – primaria 3^, 4^ e 5^ classe gr. 20, secondaria e adulti gr 25), sia possibile utilizzare una confettura di marmellata da gr. 250 o altra grammatura, nonostante nell’allegato 3 in merito alla marmellata si parla di monoporzione da gr. 25.



     


    Risposta a QM 3919 FAQ n° 35

    R1. Non sono previste deroghe, il concorrente sceglie altro prodotto
    R2.R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 23

    R3. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 14
    R 4. Si può utilizzare anche il formato grande, ma poiché non può essere conservato va utilizzato nella medesima giornata di apertura della confezione
    .
     
    23/02/2021 14:05
  39. 12/02/2021 09:26 - Buongiorno,
    Con riferimento al possesso del requisito di capacità tecnica e professionale di cui al punto g1) relativo al servizio di disinfestazione e derattizzazione, si chiede di confermare se l’elenco dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni con indicazioni dei rispettivi importi, date e destinatari pubblici e privati non debba raggiungere alcun importo complessivo ma debba solo dimostrare l’esperienza continuativa nel triennio dell’operatore.
     


    Risposta a QM 3929 FAQ n° 40
    R. Sì.
     

    23/02/2021 14:32
  40. 12/02/2021 11:35 - Buongiorno,
    in riferimento al criterio di valutazione a) menù sociali nel disciplinare di gara
    i prodotti utilizzati per la preparazione dei primi piatti dovendo rispettare i criteri qualitativi riportati nell’allegato 3 al CSD,
    devono essere anch’essi biologici e a una distanza massima di 300 km dal campidoglio?


    Risposta a Qm 3966 FAQ n° 41
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 14
     

    23/02/2021 14:34
  41. 12/02/2021 13:08 - Buongiorno,
    inviamo di seguito richiesta di chiarimenti per la procedura in oggetto:

    In riferimento all’art. 9 del Disciplinare, nonché ai chiarimenti pubblicati ai numeri 1. 2. 3. con i quali si conferma la possibilità di subappaltare le prestazioni di “pronto intervento e piccola manutenzione” e “derattizzazioni e disinfestazioni” (indicate quali prestazioni secondarie dal disciplinare stesso), si chiede di confermare la possibilità di ricorrere all’istituto del subappalto necessario e quindi di confermare che i requisiti richiesti per le suddette attività (di cui agli artt. 7.1.b) e 7.2.e)) possano essere posseduti esclusivamente dal subappaltatore.

    In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti
     


    Risposta a QM 3988 FAQ n° 43
    R. Si rimanda ai chiarimenti forniti per il quesito n. 22
     

    23/02/2021 14:37
  42. 12/02/2021 11:50 - Spett.le Ente,

    con la presente siamo a porre la seguente richiesta di chiarimento:

    -    Con riferimento al requisito di capacità economica e finanziaria di cui all'art. 7.2, lett. d) del Disciplinare di gara, si chiede conferma che la comprova di tale requisito possa avvenire, ai sensi dell'art. 86, comma 4 e all. XVII parte I del Codice, anche tramite la presentazione dei bilanci finanziari, all'interno dei quali viene specificamente indicato il fatturato specifico per i servizi di ristorazione collettiva.

    Cordiali saluti.


    Risposta a QM 3983 FAQ n° 42
    R. Si rimanda al punto 7.2 d) del Disciplinare di Gara

    23/02/2021 14:49
  43. 12/02/2021 15:17 - Chiarimenti
    - a) ln merito ai requisiti di partecipazione:
    -eventuali prestazionidi pronto intervento e piccola manutenzione
    -importo derattizzazione e disinfestazione
    si chiede se tali requisiti possano essere soddisfatti attraverso dichiarazione di subappalto ad imprese che
    possiedano tali requisiti
    b) ln merito al criterio di valutazione a.1 Progetto per l'introduzione di menu "socíali" realizzati con prodotti
    alimentari provenienti da operatori nazionali dell'agricoltura sociale. ll disciplinare dettaglia le ricette da approntare
    relativamente ai prodotti. Si chiede se tutte le derrate che compongono la ricetta devono essere costituite da
    prodottialimentari provenientida operatori nazionalidell'agricoltura sociale, ossia se anche prodotti non
    ortifrutticoli(es. olio, pasta, parmigiano reggiano) debbano provenire da operatoridell'agricoltura sociale e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo diqualità (LAQ)
     


    Risposta a QM 4043 FAQ n° 44
    R. a) Si rimanda ai chiarimenti forniti per il quesito n. 22
    R. b) Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 2
     
    24/02/2021 09:09
  44. 12/02/2021 15:45 - Buongiorno,
    in riferimento all’offerta da presentare e alla complessa documentazione richiesta dal Disciplinare di gara, chiediamo di voler cortesemente concedere una proroga del termine fissato per la presentazione delle offerte.
    Cordiali Saluti
     


    Risposta a QM 4041 FAQ n° 46
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n.38
    24/02/2021 09:12
  45. 12/02/2021 18:49 - Gent.mi Signori,

    Premesso che:
    • le zone terremotate previste dal D.L. 189/2016 sono: Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo.
    • il merceologico prevede prodotti a marchio DOP e IGP e per usufruire della del marchio tali prodotti devono essere conformi ad uno specifico disciplinare di produzione che regola anche le zone di produzione
    • in menu le preparazioni contengono il Parmigiano Reggiano DOP
    • il Parmigiano Reggiano DOP è sottoposto ad un disciplinare di produzione che prevede come uniche regioni di produzione la Lombardia e l’Emilia Romagna (regione escluse dal D.L. 189/2016).
    A tal proposito, in merito al Criterio B “Menu Solidali” si chiede conferma che:
    • il Parmigiano Reggiano DOP non deve essere considerato tra gli ingredienti della preparazione in quanto è previsto nelle preparazioni come DOP e pertanto non potrà provenire dalle aziende delle zone terremotate previste dal D.L. 189/2016.
     
    1. Visto il volume dei pasti e considerando i principi di sicurezza igienica si chiede di confermare che con la dicitura "uova" tra gli ingredienti delle preparazioni si fa riferimento sia alle uova con guscio che al misto uovo.
     
    1. Premesso che:
    • nell’ “Allegato N° 2 – menu” la preparazione “frutta” (ricetta N°404) non è rappresentata da nessun ingrediente;
    • nell’ “Allegato N° 3 – caratteristiche merceologiche” viene riportato il calendario dei prodotti ortofrutticoli freschi;

    In merito al Criterio B “Menu Solidali” si chiede conferma che:
    • la tipologia di frutta di stagione e la frequenza di impiego in menu sono a discrezione dell’O.E. a condizione che la stessa venga offerta considerando il calendario dell’ Allegato N° 3 – caratteristiche merceologiche  

    Cordiali saluti
     


    Risposta a QM 4046 FAQ n° 48
    R. 1. Per l’attribuzione del punteggio di cui al criterio B1 dell’art. 79 del CSDP almeno il 50% dei prodotti deve provenire da aziende di zone terremotate. Pertanto nella restante percentuale possono essere considerati altri ingredienti non provenienti da zone terremotate previste dal D.L. 189/2016
     
    24/02/2021 09:14
  46. 15/02/2021 08:24 -
    1. in riferimento all’art.16.1 del disciplinare di gara “Caricamento busta B – Offerta Tecnica”, siamo a richiedere se è corretto intendere che non vi siano limiti di MB per il caricamento dei file sul portale di gara.
    2. All.1 al CSDP Lotto 1 Mun.VII, pag. 8 viene indicato che la scuola infanzia statale in Via San Matteo 102 è un terminale di consumo. Si richiede di conoscere quale sia la cucina di produzione
    3. All.1 al CSDP Lott 2 Mun.VI pag.12 viene indicato con il riferimento T3 un trasportato dal centro di cottura Scuola Dario Pagano Via Poseidone 66 (la scuola pagano non fa più trasportati). Si richiede di confermare che non esiste più il trasportato oppure di indicare il terminale di ricevimento.


    Risposta a QM 4069 FAQ n° 49
    R. 1 Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 27
    R. 2. La cucina di produzione dell’infanzia statale in Via San Matteo 102 dell’I.C. Corradini è quella presente nel plesso sito in via San Matteo 104
    R. 3 Si conferma che il centro di cottura Scuola Dario Pagano Via Poseidone 66 non fa più trasportati

     
    24/02/2021 09:17
  47. 15/02/2021 10:57 -
    1. Domanda: Si chiede conferma che per i servizi di disinfestazione e derattizzazione non è richiesto il possesso di alcun fatturato specifico bensì solo quanto l’“iscrizione nel registro delle imprese o nell’albo delle imprese artigiane, secondo la seguente fascia di classificazione di volume di affari al netto dell’I.V.A. di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio 1997, n. 274: fascia a) (fino a € 51.645,69)” come previsto dall’art. 7.1 (“Requisiti di idoneità”) del Disciplinare di gara che impone alla lettera b);
     
    1. All’art. 7.3 “REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE” del disciplinare di gara, al punto g1) “Esecuzione negli ultimi tre anni antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando dei principali seguenti servizi analoghi” è richiesto:
    “Il concorrente deve per ciascun lotto cui partecipa produrre la dichiarazione attestante l’elenco dei principali servizi effettuati negli ultimi tre anni, antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando, con indicazione dei rispettivi importi, date e destinatari, pubblici o privati.
    N.B. La suddetta elencazione dei principali servizi analoghi prestati negli ultimi tre anni deve riferirsi a tutte e tre le tipologie di prestazione”.
    Domanda: Si chiede conferma che per quanto riguarda i servizi di disinfestazione e derattizzazione ed i servizi di riparazione e manutenzione vari, l’esecuzione degli stessi possa essere dimostrata anche mediante produzione di contratti dove quest’ultimi sono svolti come servizi accessori (per esempio: contratto di ristorazione scolastica dove è prevista anche l’esecuzione dei servizi di disinfestazione e derattizzazione ed i servizi di riparazione e manutenzione vari).

    Al fine di sviluppare i quantitativi merceologici, in modo maggiormente rispondente alle reali necessità di servizio, si chiede conferma che vadano presi in considerazione i valori indicati nella colonna “Totali pasti giornalieri presunti in base al calo fisiologico delle presenze del 15%” di cui all’Allegato 1.

    Cordiali saluti.


    Risposta a 4085 FAQ n°50
    R1. Sì.
    R2. L’elencazione dei principali servizi analoghi prestati negli ultimi tre anni deve riferirsi a tutte e tre le tipologie di prestazioni come previsto al punto 7.3 g1) del Disciplinare di Gara
    R3. Si rimanda all’Allegato A alla Relazione Tecnico Illustrativa

     
    24/02/2021 09:19
  48. 15/02/2021 10:59 - Spett.le Ente,
    considerata la particolare sensibilità dell’appalto  e  complessità dell’offerta tecnica, si chiede  una proroga dei  termini di presentazione delle offerte.
    In attesa di un ocrtese riscontro, si porgono Distinti Saluti.
     


    Risposta a QM 4119 FAQ n° 51
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il  quesito n. 38
     
    24/02/2021 09:21
  49. 15/02/2021 12:31 - Spett.le amministrazione, con riferimento alla presente gara, si chiede di fornire i seguenti chiarimenti:
    1. In merito al criterio di valutazione A.1. si fa notare che le ricette indicate (nn. 102, 103, 104, 105, 107, 108, 109, 111, 123, 127) parlano genericamente di “pasta”, mentre solo nei menù si specifica la tipologia di pasta. Si chiede se è corretto interpretare che, proprio per la richiesta di prodotti provenienti da peculiari fornitori, l’offerta di “pasta” possa essere generica e non puntuale come da menu.
    2. In riferimento alla risposta a QM 2799 FAQ n°4, e più precisamente al quesito b) punto 5, si chiede un chiarimento. Chiediamo se sia giusto interpretare in questo modo la risposta data da codesta spett.le Stazione Appaltatrice: il concorrente sceglie il 50% delle pietanze (che, in realtà, sono sette e dunque la scelta è obbligatoriamente maggiore del 50%) e, di queste, offre tutti gli ingredienti provenienti da zone terremotate del Centro Italia. Il concorrente potrebbe dunque scegliere come pietanze (quattro) lo spuntino, il pane, la frutta e la merenda quotidiana e di queste offrire tutti gli ingredienti con la caratteristica di cui sopra. È corretta questa interpretazione? In caso contrario, crediamo si debba meglio specificare il concetto di “pietanza” e di “prodotti”.
    3. Sempre in riferimento alla risposta a QM 2799 FAQ n°4, questa volta per il quesito b) punto 1, si chiede di confermare (o meno) la nostra interpretazione per cui quando si afferma “l’ O.E. potrà scegliere discrezionalmente nel menù ordinario qualsiasi giornata riportata nell’allegato 2, da dedicare alla realizzazione dei menù solidali, la cui composizione è specificata all’art. 25 del C.S.D.P.”, si intende dire che il concorrente può scegliere il menù di qualsiasi giornata e proporre lo stesso 6 volte all’anno, tre nel corso del menù estivo e tre nel corso del menu invernale.
    4. A pagina 36 dell’Allegato Tecnico n. 3 (Tabelle merceologiche) la parola “DOP” relativa all’olio extravergine di oliva è stata graficamente barrata. È corretto intendere che, dunque, esso non debba essere necessariamente DOP ma solo biologico?
    Distinti saluti


    Risposta a QM 4124 FAQ n° 53
    R1. Per la realizzazione delle ricette di cui al criterio a1 il formato di pasta deve essere adeguato alla tipologia di utenza
    R2. Sì
    R3. Sì, purchè la ricetta prescelta sia presente sia nel menù estivo che nel menù invernale
    R4. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 23



     
    24/02/2021 09:24
  50. 15/02/2021 15:42 - Considerato che in caso di partecipazione a più lotti, si richiede di caricare solo la documentazione amministrativa relativa al lotto di importo maggiore, bisogna comunque pagare il bollo di € 16 per ogni lotto a cui si partecipa?

    Risposta a QM 4164 FAQ n° 54
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 12
     
    24/02/2021 09:26
  51. 15/02/2021 17:23 - Gent.mi Signori,

    relativamente alla domanda di partecipazione, è consentito che ogni componente del Raggruppamento presenti una propria domanda di partecipazione?

    Grazie e cordiali saluti


    Risposta a QM  4180FAQ n° 55
    R. Si rimanda al punto 15.1 del Disciplinare di Gara
    24/02/2021 09:27
  52. 15/02/2021 18:41 - Buonasera,
    la presente per sottoporre alla Vostra attenzione la seguente richiesta di chiarimenti:
    - Con riferimento alla garanzia provvisoria di cui all’art. 10 del Disciplinare ed in particolare ai punti 7) e 8) di pag. 19 (‘autentica della sottoscrizione’ e ‘dichiarazione sostitutiva di atto notorio del fideiussore che attesti il potere di impegnare con la sottoscrizione la società fideiussore nei confronti della stazione appaltante’), si chiede di voler confermare che, in caso di garanzia che preveda la sottoscrizione del garante autenticata dal notaio (autentica notarile), non sia altresì necessaria la dichiarazione sostitutiva di atto notorio del fideiussore, essendo già prevista nell’autentica l’attestazione dei poteri di firma del garante da parte del notaio.
    In attesa di Vostro cortese riscontro, porgiamo cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 4164 FAQ n° 56
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 12
    24/02/2021 09:29
  53. 11/02/2021 17:25 -
    1. In merito al criterio di valutazione c.3 somministrazione di spremuta di arance biologiche da erogare a fine pasto, si chiede conferma che, nel caso in cui il concorrente offra arance DOP/IGP al criterio c1, la somministrazione di questa tipologia di prodotto sia soddisfacente ai fini dell’attribuzione del punteggio oppure se tale prodotto debba essere anche biologico, oltre che DOP/IGP.
     
    1. Capitolato art. 11, Allegato tecnico 1: Si rileva un’incongruenza:
    • nella tabella “pasti presunti da settembre 2021 a luglio 2026” (art.11 Capitolato) per il Lotto 10 è indicato un quantitativo di pasti per i nidi pari a 509.250 per il quinquennio;
    • le tabelle da pag. 59 a 61 dell’Allegato 1 elencano e descrivono i centri refezionali del Lotto 10 e non sono presenti Nidi.
    Si chiede cortesemente un chiarimento in merito alla sopradescritta incongruenza.
     


    Risposta a QM 3944 FAQ n° 39
    R.a) Per il criterio c.3 il prodotto deve essere biologico. Qualora il prodotto sia offerto anche peri il criterio C1, esso deve essere bio e DOP/IGP.
    R.b)  Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n° 9
     
    24/02/2021 10:09
  54. 15/02/2021 11:09 - Con riferimento ai requisiti di idoneità di cui al punto 7.1 lettera b, ed ai requisiti di capacità economica e tecnica riferiti alle attività di derattizzazione e manutenzione, si chiede se gli stessi, vista la loro natura secondaria e la loro incidenza percentuale (che li configurerebbe addirittura come semplici subaffidamenti), possano essere ottemperati mediante ricorso al cd subappalto “necessario”. La normativa e diverse sentenze recenti consentirebbero tale evenienza.
    Si chiede inoltre, in virtù dell’importanza dell’appalto e della sua complessità, soprattutto in considerazione del periodo emergenziale in atto (che non consente il normale svolgimento delle attività lavorative), se può essere valutata un’eventuale proroga dei termini di scadenza.


    Risposta a QM 4087 FAQ  n° 52
    R. Si rimanda ai chiarimenti forniti per i quesiti nn. 2, 3 e 6
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il  quesito n. 38


     
    25/02/2021 09:27
  55. 16/02/2021 10:01 - In riferimento al punto II.1.6 del bando di gara in oggetto, è previsto che, in caso di partecipazioni a più lotti di gara, potrà essere aggiudicato un solo lotto ad ogni concorrente a prescindere dalla forma giuridica utilizzata.
     
    In particolare e in ordine all’espressione “forma giuridica utilizzata” si chiede conferma che il vincolo di aggiudicazione valga:
     
    -        per Società controllate e/o collegate tra loro da o per il tramite di compagine azionaria;
    -        per Società controllate e/o collegate tra loro da o per il tramite della presenza nella governance dei medesimi amministratori o sindaci ovvero ancora di altre figure apicali;
    -        per Società controllate e/o collegate tra loro sulla base di evidenze sostanziali quali, ad esempio, l’identità della sede legale oppure altri aspetti fattuali che consentano di ritenere le offerte riconducibili ad un unico concorrente.

    Si chiede, altresì, conferma che il limite ai lotti aggiudicabili nei termini appena delineati trovi applicazione pure a prescindere dalla (astratta) configurabilità delle ipotesi di cui all’articolo 2359 c.c. ovvero, più specificamente, di cui all’articolo 80 comma 5 lett. m) d.lgs. n. 50/2016 che, configurando l’imputabilità delle offerte ad un unico centro decisionale, impongono l’esclusione dalla selezione dei due operatori in collegamento sostanziale.


    Risposta a QM  4206 FAQ n° 57
    R. Si rimanda a quanto indicato nella relazione tecnico - illustrativa
     
    25/02/2021 09:30
  56. 16/02/2021 10:05 - Come indicato all’art.24 del Disciplinare: “……in particolare i dati relativi al personale utilizzato nel contratto in corso di esecuzione, nel documento depositato presso l’Ufficio proponente che contiene in forma anonima: il numero di unità, monte ore, CCNL applicato dall’attuale appaltatore/esecutore, qualifica, livelli retributivi, scatti di anzianità, sede di lavoro, eventuale indicazione dei lavoratori assunti ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68, ovvero mediante fruizione di agevolazioni contributive previste dalla legislazione vigente. etc..”
    Siamo a chiedere di indicarci le modalità per il ritiro della documentazione relativa al personale.
    In attesa di riscontro porgiamo distinti saluti.
     


    Risposta a QM 4190 FAQ n° 58
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 8
    25/02/2021 09:31
  57. 16/02/2021 11:52 - Si chiede se la cauzione provvisoria, sotto forma di fidejussione assicurativa, sia da autenticare da pubblico ufficiale (notaio, etc)
    ARTICOLO 10 – punto 7 del disciplinare, oppure se sia sufficiente la dichiarazione sostitutiva del sottoscrittore della polizza, 
    che dichiara di avere i poteri necessari e allega la copia conforme della procura che attribuisce tali poteri, tutto firmato digitalmente.
    grazie


    Risposta a QM 4222 FAQ n° 60
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 12
     
    25/02/2021 09:33
  58. 12/02/2021 15:24 - In riferimento alla gara de quo si prega di prendere visione dellì’allegato alla presente.
    L’occasione è gradita per porgere distinti saluti.
     QUESITO 1
    In merito al paragrafo 7.2 REQUISITI DI CAPACITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA lett. d) ed e) del disciplinare laddove si legge, rispettivamente:
    “d) per i servizi di ristorazione:
    Fatturato specifico medio annuo, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, per servizi analoghi di ristorazione collettiva non commerciale riferito agli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili (2017/2018/2019) non inferiore a…omississ”
    “e) limitatamente ai servizi di riparazione e manutenzione vari:
    fatturato specifico medio annuo, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, negli ultimi tre esercizi disponibili (2017/2018/2019), per servizi analoghi ai servizi di riparazione e manutenzione vari non inferiore a…omississ”
    si chiede di confermare che con l’espressione “fatturato specifico medio annuo” si intende il risultato della media degli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili, ad esempio:
    2017: € 15.000,00
    2018: € 80.000,00
    2019: € 16.144,96
    TOTALE: € 111.144,96
    MEDIA: € 37.048,32
    oppure
    se per ciascun esercizio finanziario occorre possedere un fatturato di € 37.048,32

    QUESITO 2
    Si chiede di confermare che il fatturato specifico medio annuo, per servizi analoghi ai “servizi di riparazione e manutenzione vari” di cui al punto 7.2 lett. e), non necessariamente deve essere stato realizzato nel settore oggetto della gara (=ristorazione) ma, al contrario, anche allo scopo di garantire il principio della par condicio e favor partecipationis - può essere stato realizzato in settori quali uffici, scuole, ecc…

    QUESITO 3
    In riferimento al paragrafo 7.3 REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE lett. g1) [Esecuzione negli ultimi tre anni antecedenti la data di scadenza di pubblicazione del bando dei principali seguenti servizi analoghi] - si chiede di confermare che per quanto concerne la dimostrazione del servizio di “disinfestazione e derattizzazione” è possibile presentare un elenco che prevede esclusivamente servizi di disinfestazione e/o derattizzazione.
    QUESITO 4
    In riferimento al paragrafo 7.4 INDICAZIONI PER I RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI, CONSORZI ORDINARI, AGGREGAZIONI DI IMPRESE DI RETE, GEIE lett. d) – considerando che è previsto solo il RTI di tipo orizzontale - si chiede di confermare che il caso di partecipazione di raggruppamento temporaneo di tipo verticale il requisito del fatturato specifico di cui al punto 7.2, lett. d) deve essere soddisfatto dalla mandataria.
    QUESITO 5
    In riferimento ai “servizi di riparazione e manutenzione vari” si chiede di confermare la possibilità di utilizzare il fatturato realizzato per servizi di manutenzione edile, impiantistica (diverse tipologie di impianti)
     


    Risposta a QM 4039 FAQ n°45
    R.1 Per il calcolo del fatturato specifico medio annuo occorre fare riferimento agli ultimi tre esercizi finanziari disponibili 2017/2018/2019   
    R.2 La comprova del requisito di cui al punto 7.2 lett. e) del Disciplinare di Gara è fornita mediante fatture e/o contratti comprovanti l’avvenuta esecuzione di servizi analoghi nel settore oggetto della gara.
    R 3. Sì  
    R 4. Si rimanda alla lettura del punto 7.4 del Disciplinare di gara al prio capoverso “NB”
    R 5. Si rimanda al chiarimento fornito per il punto 2 del medesimo quesito.




     
    25/02/2021 10:52
  59. 16/02/2021 10:58 - Gent.mi Signori,

    in riferimento al requisito

    b) - limitatamente ai servizi di disinfestazione e derattizzazione, in relazione a ciascun lotto di partecipazione: iscrizione nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane, secondo la seguente fascia di classificazione di volume di affari al netto dell'I.V.A. di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio 1997, n. 274: fascia a) (fino a € 51.645,69);

    Si rileva che la fascia di classificazione è obbligatoria per le imprese di pulizie e non anche per le imprese che svolgono solo servizi di disinfestazione e derattizzazione. E’ corretto quindi intendere che è consentita la partecipazione ( in RTI) di una società iscritta alla camera di commercio, avente come oggetto sociale sì la disinfestazione e derattizzazione ma non anche la fascia di classificazione?

    Cordiali saluti.




     


    Risposta a QM 4214 FAQ n° 59
    R. come previsto al punto 7. 1 del Disciplinare di Gara, per i servizi di disinfestazione e derattizzazione, in relazione a ciascun lotto di partecipazione è richiesta l’iscrizione nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane, secondo la seguente fascia di classificazione di volume di affari al netto dell'I.V.A. di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio 1997, n. 274: fascia a) (fino a € 51.645,69). 
     
    26/02/2021 08:30
  60. 12/02/2021 16:53 - Si chiede di voler confermare che, nel caso di partecipazione alla gara mediante ATI verticale, i requisiti di idoneità di cui al punto 7.1, lett. a) e b), del Disciplinare di gara possano essere posseduti e dimostrati dalle imprese raggruppate avendo riguardo alle sole prestazioni, principale (ristorazione scolastica) e secondarie (disinfestazione e derattizzazione, e servizi di riparazione e manutenzione), che le stesse imprese saranno effettivamente chiamate a svolgere nell’esecuzione dell’appalto.
    In particolare, si chiede di chiarire se: (i) la mandataria, che svolgerà il servizio di ristorazione scolastica, possa soddisfare il requisito di cui al punto 7.1, lett. a) essendo iscritta nel registro della camera di commercio per la sola attività di ristorazione collettiva; (ii) la mandante 1, che svolgerà il servizio di riparazione e manutenzione, possa soddisfare il requisito di cui al punto 7.1, lett. a) essendo iscritta nel registro della camera di commercio per la sola attività di riparazione e manutenzione; (iii) la mandante 2, che svolgerà il servizio di disinfestazione e derattizzazione, possa essere in possesso del solo requisito di idoneità di cui alla lett. b) cit. mediante l’iscrizione nel registro delle imprese artigiane o nell’albo delle imprese artigiane ivi prevista.
    Si chiede, inoltre, di confermare che, in caso di partecipazione alla gara mediante ATI verticale, la società mandante deputata a svolgere esclusivamente il servizio di disinfestazione e derattizzazione non sarà tenuta a dimostrare il possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria previsti dal punto 7.2 del disciplinare.
     


    Risposta a FAQ n° 47
    R. 1 nel caso di partecipazione alla gara in RTI verticale, i requisiti di idoneità di cui al punto 7.1, lett. a) e b), del disciplinare di gara debbano essere dichiarati, nel rispettivo DGUE, da ciascuna delle imprese raggruppate avendo riguardo alle rispettive prestazioni, principale (ristorazione scolastica) o secondarie (disinfestazione e derattizzazione, e servizi di riparazione e manutenzione), per le quali le imprese dichiarano di partecipare alla gara e per le quali si impegnano a partecipare al R.T.I.medesimo.
    R.2 come espressamente indicato nel disciplinare di gara, il requisito 7.2. lett. d) e il requisito di cui al punto 7.2. lett. e) sono richiesti in modo esclusivo rispettivamente "per i servizi di ristorazione" (lett. d), limitatamente ai "servizi di riparazione e manutenzione vari" (lett. e) .
     
    26/02/2021 08:33
  61. 16/02/2021 11:56 - Si chiede se, in caso di partecipazione in RTI costituendo, la domanda di partecipazione deve essere unica, firmata da tutti i componenti l’RTI,   oppure redatta da ogni componente il RTI.
    Si chiede inoltre se l’imposta di bollo deve essere pagata da tutti i componenti oppure solo dalla capogruppo, anche in caso di domande di partecipazione distinte.
    grazie 


    Risposta a QM 4221 FAQ n° 61
    R. Si rimanda al punto 15.1 del Disciplinare di Gara
     
    26/02/2021 08:39
  62. 17/02/2021 09:07 - Facendo riferimento al Capitolato, Articolo 14 “Organico e reintegro del personale” si chiede di precisare il totale ore e il totale personale relativamente a:
    • Refezione Nidi, per numero utenti da 61 a 80 sono indicate 19 ore e 4 persone, tuttavia sommando le ore delle singole unità il totale risulta essere pari a 20
    • Refezione Strutture scolastiche, per numero utenti da711 a 740 sono indicate 71 ore e 15 persone, tuttavia sommando le ore delle singole unità e il relativo numero il totale risulta essere pari a 72 ore e 16 unità

    GRAZIE


    Risposta a QM 4360 FAQ n° 62
    R. La fascia di utenza da 61 a 80 riporta un errore materiale. Pertanto il totale è pari a 20 ore
    R. La fascia di utenza da 711 a 740 riporta un errore materiale. Pertanto il totale è pari a 72 ore e 16 unità
    26/02/2021 08:43
  63. 17/02/2021 11:03 - Gent.mi Signori,
     
    1. Capitolato art.56: Si chiede di specificare se anche gli interventi di derattizzazione e disinfestazione presso i Nidi sono a carico dell’OEA.
    2. Capitolato art. 4: In riferimento alle operazioni di “raccolta e smaltimento differenziato dei rifiuti provenienti dai locali di produzione e di consumo dei pasti e convogliamento degli stessi presso i punti di raccolta”, si chiede conferma che tasse e oneri relativi allo smaltimento dei rifiuti rimangono in carico alla Committente. In caso contrario, per una corretta valutazione dei costi, si richiede di fornire (per ogni lotto), sulla base dello storico degli ultimi anni, indicazione dell’ammontare annuale delle tasse rifiuti a carico dell’OEA.
    3. Capitolato art. 16: Si legge che “Ogni O.E.A. dovrà assegnare ad un Responsabile Operativo del Servizio un numero massimo di 5 centri refezionali scolastici e ad un Responsabile Operativo del Servizio un numero massimo di 8 strutture educative (nidi)”. In merito si chiede conferma che sia corretto intendere che ad ogni Responsabile Operativo del Servizio possono essere affidate contemporaneamente un massimo di 13 strutture, cioè 5 centri refezionali scolastici e 8 nidi.

    Cordiali saluti.


    Risposta a QM 4361 FAQ n° 63
    R 1. Si conferma che sono a carico dell’OEA gli interventi di derattizzazione e disinfestazione dei locali di pertinenza
    R 2. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 22
    R 3. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 22



     
    26/02/2021 08:48
  64. 17/02/2021 11:56 - In caso di partecipazione in RTI, la domanda di partecipazione può essere unica oppure ogni componente del raggruppamento deve  presentare la propria ?
    SE non è possibile  presentare un’unica domanda di partecipazione, il bollo deve essere pagato anche dalle altre componenti il raggruppamento ?

    Grazie 


    Risposta a QM 4387 FAQ n° 64 Pubblicare
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 61
    26/02/2021 08:52
  65. 17/02/2021 12:56 - Gent.mi Signori,

    è corretto intendere che il DGUE possa essere presentato nella cartella della documentazione amministrativa solo in formato PDF e firmato digitalmente senza ricorrere alla Vostro pannello di partecipazione in cui si evince

    “compila documento di gara unico europeo”  

    Grazie e cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 4409 FAQ n° 65
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 26
    26/02/2021 08:55
  66. 18/02/2021 09:51 - Gent.mi Signori,

    con la presente siamo a sollecitare una risposta in merito al quesito del 16 u.s. e che Vi riproponiamo in calce per comodità.
    La risposta si rende necessaria, a tutti i partecipanti alla procedura, per non comprometterne la partecipazione.
    Dato che, giuridicamente, non esistono fasce di classificazione per i servizi di derattizzazione e deblattizzazione, è corretto intendere che tale requisito sia da considerarsi un refuso?

    Cordiali saluti.
    __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
    Gent.mi Signori,

    in riferimento al requisito

    b) - limitatamente ai servizi di disinfestazione e derattizzazione, in relazione a ciascun lotto di partecipazione: iscrizione nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane, secondo la seguente fascia di classificazione di volume di affari al netto dell'I.V.A. di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio 1997, n. 274: fascia a) (fino a € 51.645,69);

    Si rileva che la fascia di classificazione è obbligatoria per le imprese di pulizie e non anche per le imprese che svolgono solo servizi di disinfestazione e derattizzazione. E’ corretto quindi intendere che è consentita la partecipazione ( in RTI) di una società iscritta alla camera di commercio, avente come oggetto sociale sì la disinfestazione e derattizzazione ma non anche la fascia di classificazione?

    Cordiali saluti.
     


    Risposta a QM 4491 FAQ n° 68
    R. Si rimanda alla lettura del punto 7.1 lett. b) del Disciplinare di Gara
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 47
     
    26/02/2021 08:59
  67. 18/02/2021 12:26 - 1) In riferimento al criterio 18.1 del Disciplinare elemento A. MENU SOCIALI, è richiesto al Concorrente di allegare i contratti preliminari con i potenziali sub fornitori i quali devono riportare tutte le informazioni di interesse, tra le quali la loro capacità produttiva. E’ quindi corretto intendere che sia necessario dichiarare che la capacità produttiva del sub fornitore sia tale da garantire i quantitativi previsti per il lotto a cui si partecipa, oppure per capacità produttiva si intende l’indicazione dei quantitativi espressi in kilogrammi?

    2) In riferimento alla vostra risposta al chiarimento n.4 b) “Con la definizione 50% dei prodotti alimentari si intende il 50% delle pietanze da somministrare nella giornata prescelta. Per pietanze si intende: spuntino, primo piatto, secondo piatto, contorno, pane frutta e merenda pomeridiana. Per le pietanze prescelte, tutti gli ingredienti devono provenire da aziende di zone terremotate del Centro Italia”. E’ corretto intendere che, per quanto riguarda le pietanze “primo piatto, secondo piatto, contorno” che vengono cucinati dall’azienda di ristorazione tutti gli ingredienti riportati nelle ricette all’allegato 2 devono provenire da aziende di zone terremotate del centro italia, mentre per quanto riguarda le pietanze “spuntino, merenda pomeridiana e pane”, non essendo riportate le ricette e tali prodotti vengono acquistati già pronti, queste pietanze debbano essere prodotte, lavorate e confezionate presso aziende di zone terremotate del Centro Italia, ma che la materia prima possa provenire anche da altre zone, sempre nel rispetto di quanto previsto all’allegato 3 Tabelle Merceologiche. Ad esempio: se indicassimo il pane prodotto da un’azienda di zone terremotate, il grano non viene coltivato in quelle zone. Si può considerare corretta come pietanza?

    Grazie
    Cordiali Saluti


    Risposta a QM 4550 FAQ n° 69
    R 1. Nella documentazione da allegare va dichiarata la capacità produttiva al fine di garantire i quantitativi in kilogrammi previsti per il lotto a cui si partecipa
    R 2. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 4
    26/02/2021 09:02
  68. 18/02/2021 16:02 - Relativamente ai punti A e B dei criteri di aggiudicazione indicati nell’art. 79 del CSDP laddove si cita che il concorrente dovrà produrre all’interno dell’offerta tecnica, per ciascun lotto per cui concorre, una dichiarazione sottoscritta dal Legale Rappresentante contenente l’impegno assunto (indicazione delle tipologie, della quantità e delle caratteristiche merceologiche dei prodotti alimentari, elenco dei fornitori, indicazione delle relative caratteriste soggettive). Il concorrente dovrà allegare altresì i contratti preliminari con i potenziali sub fornitori i quali devono riportare tutte le informazioni di interesse, tra cui la loro capacità produttiva, è corretto interpretare:

    ·che l’azienda di ristorazione, qualora si avvalga di fornitori/piattaforme distributive, debba presentare gli accordi di fornitura sottoscritti con questi ultimi,
    ·che siano i fornitori ad essere in possesso di accordi con i potenziali sub fornitori contenenti tutte le indicazioni richieste
    ·che tali accordi siano allegati alla Relazione congiuntamente all’accordo tra l’azienda e il fornitore/distributore?
    Sempre relativamente ai punti citati, si chiede cosa si intenda “indicazione delle relative caratteriste soggettive”.
     


    Risposta a QM 4612 FAQ n° 70
    R. Si rimanda ai chiarimenti forniti per i quesiti nn° 22 e 69,  e a quanto riportato ai punti 18.1 e 18.2 del Disciplinare di gara
    26/02/2021 09:05
  69. 19/02/2021 11:30 - Gent.mi Signori,

    1 – In riferimento alle dichiarazioni previste per il criterio A.1 e B.1 si chiede di precisare cosa si intende:  ”indicazione alle relative caratteristiche soggettive”:
    • per il Criterio A.1 si chiede di confermare se l’ interpretazione è corretta: nella dichiarazione sottoscritta dal Legale Rappresentante bisogna riportare: le tipologie di prodotto, quantità, caratteristiche merceologiche (eventuali bio, DOP, IGP), elenco dei fornitori, indicazione se i sub fornitori/produttori sono aziende che praticano agricoltura sociale, in ottemperanza alla Legge 141/2015 e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di Qualità
    • per il Criterio B.1 si chiede di confermare se l’ interpretazione è corretta: nella dichiarazione sottoscritta dal Legale Rappresentante bisogna riportare: le tipologie di prodotto, quantità, caratteristiche merceologiche (eventuali bio, DOP, IGP), elenco dei fornitori, indicazione se i sub fornitori/produttori sono aziende delle zone terremotare del centro Italia D.L.189/2016

    2 – In riferimento ai criteri A.1 e B.1 per  ”tutte le informazioni di interesse” che devono essere riportate nei contratti preliminari è corretto intendere che si tratta di: modalità degli accordi presi con i fornitori, sub fornitori/produttori, le relative ragioni sociali e sedi, la capacità produttiva annua.

    3 –  In riferimento al chiarimento FAQ 4  R.b  per il Criterio B.1 si chiede di confermare che per  50% si deve fare riferimento al totale delle pietanze da somministrare ovvero 4 pietanze da somministrare sulle 7 totali previste per la giornata (spuntino, primo piatto, secondo piatto, contorno, pane e merenda pomeridiana)

    Cordiali saluti.


    Risosta a QM 4695 FAQ n° 71
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito 69
    R. Sì
    26/02/2021 09:09
  70. 19/02/2021 12:40 - Gent.mi Signori,

    in considerazione dell’approssimarsi della scadenza della gara in oggetto e, vista la mancanza di risposte da parte Vostra su aspetti fondamentali (sia dal punto di vista amministrativo che tecnico necessari per una corretta vautazione economica etc) e la complessità della procedura, siamo a richederVi, cortesemente, una proroga della scadenza della presentazione della stessa di almeno 15 giorni.

    Certi della comprensione, porgiamo cordiali saluti.


    Risosta a QM 4720 FAQ n°72
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 38
     
    26/02/2021 09:12
  71. 19/02/2021 15:06 - Buongiorno,

    in riferimento alla gara in oggetto, con la presente, siamo a trasmettere la seguente richiesta di chiarimento:

    In relazione alla risposta da voi fornita a QM 2799 FAQ n. 4 R. b) punto 5 si chiede di confermare che nel caso in cui il concorrente A offra il 50% delle pietanze da somministrare nella giornata prescelta da aziende di zone terremotate del centro Italia quali spuntino, pane, frutta e merenda ovvero spuntino, contorno frutta e merenda si vedrà attribuito il massimo del punteggio come il concorrente B che offrirà il 50% delle pietanze da somministrare nella giornata prescelta quali primo piatto, secondo piatto, contorno e frutta.


    Risposta a FAQ n° 74
    R. Sì. Per le pietanze prescelte tutti gli ingredienti devono provenire da aziende di zone terremotate
     
    26/02/2021 09:20
  72. 19/02/2021 17:50 - QUESITO: Un’impresa SOCIALE composta da agricoltori biologici e regolarmente iscritta all’elenco speciale regionale delle imprese sociali avente come scopo la promozione di un BIODISTRETTO e nello statuto..il seguente scopo sociale 
    PROMUOVERE, SOSTENERE E DIFFONDERE L'IMPRESA SOCIALE, CHE ESERCITA IN VIA STABILE E PRINCIPALE UNA O PIU' ATTIVITA' D'IMPRESA DI INTERESSE GENERALE PER IL PERSEGUIMENTO DI FINALITA' CIVICHE, SOLIDARISTICHE E DI UTILITA' SOCIALE, COME
    DEFINITA NEGLI ARTT. 1 E SEGG. DEL D.LGS 112/2017.
    NELLE SINGOLE AREE DI INTERVENTO SI PROPONE PERTANTO DI COINVOLGERE, SECONDO UN APPROCCIO DI RETE, I PIU' IMPORTANTI SOGGETTI SOCIO-ECONOMICI OPERANTI SUL TERRITORIO, ANCHE DI MATRICE ASSOCIATIVA, INSIEME AI QUALI REALIZZARE UNA PIU' ATTENTA LETTURA DEI BISOGNI ED INDIVIDUARE GLI STRUMENTI DI INTERVENTO PIU' APPROPRIATI.

    Può rientrare nella casistica dei MENU SOCIALI ?


    Risposta a QM FAQ n° 76
    R. Come specificato all’art. 79 del C.S.D.P. per il criterio a.1 i prodotti devono provenire da “aziende che praticano l’agricoltura sociale, in ottemperanza alla Legge 141/2015 e/o da aziende iscritte nella Rete del lavoro agricolo di qualità (LAQ)”
     
    26/02/2021 10:24
  73. 22/02/2021 11:29 - Spett.le Stazione Appaltante, al quesito QM 2799 FAQ n° 4 avete fornito la risposta R. b) punto 5, del seguente tenore: con la definizione “50% dei prodotti alimentari” si intende il 50% delle pietanze da somministrare nella giornata prescelta per realizzazione del menù solidale. Per pietanze si intende: spuntino, primo piatto, secondo piatto, contorno, pane ,frutta e merenda pomeridiana. Per le pietanze prescelte, tutti gli ingredienti devono provenire da aziende di zone terremotate del Centro Italia.
    In considerazione di ciò, si chiede se gli ingredienti selezionati per la pietanza solidale del menu oltre che provenire da zone terremotate debbano avere anche le caratteristiche indicate dall’allegato n°3 al CSDP.


    Risposta a FAQ n° 79
    R. Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 14
     
    26/02/2021 10:27
  74. 23/02/2021 10:04 - Buongiorno,

    in riferimento alla gara in oggetto, con la presente, siamo a riformulare la richiesta di chiarimento trasmessa in data 09/02/2021:

    - In riferimento alla Busta A “Documentazione amministrativa” si specifica che la domanda di Partecipazione dev’essere presentata con imposta di bollo da € 16,00. Si chiede, dunque, se l’imposta di bollo dev’essere assolta in via forfettaria oppure debba considerarsi per ogni 4 pagine del modello oppure per ogni lotto di riferimento della gara.

    Dalla risposta ricevuta dal vs spettabile ente, Risposta a QM 3479 FAQ N° 24, Si rimanda al chiarimento fornito per il quesito n. 12 nel quale è contenuta un precisazione riferita all’offerta tecninca. Si chiede, dunque, di ricevere risposta al quesito sopra riportato.


    In riferimento al pagamento dell’imposta di bollo si inviata a leggere attentamente quanto previsto all’art 15.1 del Disciplinare di Gara “Domanda di Partecipazione” e quanto indicato a pag 26 del Disciplinare di gara “Modalità di pagamento del Bollo”
    26/02/2021 16:41
  75. 24/02/2021 11:42 - Si chiede di voler confermare che, nel caso di partecipazione alla gara mediante ATI verticale, i requisiti di idoneità di cui al punto 7.1, lett. a) e b), del Disciplinare di gara possano essere posseduti e dimostrati dalle imprese raggruppate avendo riguardo alle sole prestazioni, principale (ristorazione scolastica) e secondarie (disinfestazione e derattizzazione, e servizi di riparazione e manutenzione), che le stesse imprese saranno effettivamente chiamate a svolgere nell’esecuzione dell’appalto.
    In particolare, si chiede di chiarire se: (i) la mandataria, che svolgerà il servizio di ristorazione scolastica, possa soddisfare il requisito di cui al punto 7.1, lett. a) essendo iscritta nel registro della camera di commercio per la sola attività di ristorazione collettiva; (ii) la mandante 1, che svolgerà il servizio di riparazione e manutenzione, possa soddisfare il requisito di cui al punto 7.1, lett. a) essendo iscritta nel registro della camera di commercio per la sola attività di riparazione e manutenzione; (iii) la mandante 2, che svolgerà il servizio di disinfestazione e derattizzazione, possa essere in possesso del solo requisito di idoneità di cui alla lett. b) cit. mediante l’iscrizione nel registro delle imprese artigiane o nell’albo delle imprese artigiane ivi prevista.
    Si chiede, inoltre, di confermare che, in caso di partecipazione alla gara mediante ATI verticale, la società mandante deputata a svolgere esclusivamente il servizio di disinfestazione e derattizzazione non sarà tenuta a dimostrare il possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria previsti dal punto 7.2 del disciplinare.
     


    Si inviata a leggere attentamente l'art 7.4 "Indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, GEIE" del Disciplinare di Gara.
    26/02/2021 16:48
  76. 17/02/2021 15:55 - Buongiorno,
    Premesso che la gara non prevede alcun tipo di offerta economica, tanto che per completare l’invio dell’offerta è richiesto il caricamento a sistema di un file “in bianco”, siamo a richiedere dove inserire i costi della manodopera e gli oneri della sicurezza aziendali obbligatori ai sensi di legge.


    Premettendo che, la gara è stata configurata ai sensi dell’art. 97, comma 5 del D. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e ss.mm. ii. e che pertanto, non essendo prevista l’offerta economica, “gli operatori economici competeranno solo sulla base di criteri qualitativi” (punteggio massimo dell’offerta tecnica è pari a 100 punti), è superfluo ribadire che il costo della manodopera e gli oneri della sicurezza aziendale non essendo configurata l’offerta economica gli stessi non devono essere indicati, tuttavia implicando l’offerta tecnica eventuali costi aggiuntivi, i suddetti costi della manodopera e degli oneri della sicurezza aziendale potrebbero essere successivamente richiesti in fase di aggiudicazione nell’ambito della valutazione nella verifica di congruità della offerta complessivamente intesa.
    Relativamente al caricamento a sistema della/delle Busta/Buste “C – Offerta Economica” in tutti i lotti di partecipazione con un file “in bianco”, si ribadisce quanto già esplicitato al paragrafo 1.1. del disciplinare di gara: “poiché il Sistema impone comunque il caricamento della/delle Busta/Buste “C – Offerta Economica” in tutti i lotti di partecipazione, l’operatore economico dovrà effettuare l’upload della/delle Busta/Buste “C – Offerta Economica” nel lotto di partecipazione prescelto.
    La Busta “C – Offerta Economica” dovrà essere caricata con un file “in bianco”, anch’esso firmato digitalmente secondo le modalità individuate al paragrafo 17.1. e al paragrafo 15.4. del presente disciplinare di gara”.
     
    26/02/2021 16:55
  77. 17/02/2021 17:52 - Gent.mi Signori,

    di seguito ulteriore tranche di chiarimenti:

    Capitolato artt. 16 e 17: Relativamente alle figure di Responsabile Operativo del Servizio e di Dietista, si chiede di specificare se devono intendersi full-time (40 ore settimana) o se possono essere impiegate con monteore differenziati a seconda dell’organizzazione di ciascun operatore.

    Relativamente al caricamento della busta tecnica deve essere con la stessa procedura delle buste amministrative ed economiche ovvero caricata in un unico lotto e poi negli altri solo un foglio bianco firmato digitalmente?

    in Riferimento al caricamento della busta economica, cosa si intende per – NON GENERAZIONE A VIDEO ?
     


    R1. Si rimanda agli art 16 e 17 del  CSDP dove è precisato il rapporto responsabile/n° centri refezionali e  personale dietista/n° pasti giornalieri previsti

    R2. Si rimanda alla lettura del punto 16 del Disciplinare di Gara


    R3.Il disciplinare di gara pubblicato rispecchia il Bando tipo ANAC n° 1/2017 approvato dal Consiglio dell’Autorità con delibera  n. 1228 del 22 novembre 2017, integrato dalle modifiche adeguative predisposte dalla stazione appaltante e dalla Piattaforma telematica “TuttoGare”, di cui si avvale Roma Capitale per la gestione telematica della gara.
    Il modello di disciplinare di gara predisposto da Roma Capitale, rispetto al suddetto Bando tipo ANAC prevede nuovi sub-paragrafi ed integrazioni ai paragrafi già esistenti, entrambi esplicativi della gestione telematica della gara.
    Tra i nuovi sub-paragrafi del modello di disciplinare di gara di Roma Capitale ci sono alcuni che sono alternativi tra di loro, ad es.:
    1. “17.1. Caricamento della busta C – Offerta Economica OPZIONE 1 – GENERAZIONE A VIDEO”, la cui offerta economica è generata cliccando sul tasto “Genera offerta economica”, compilando i form proposti dal Sistema TuttoGare e pertanto verrà gestita dal sistema TuttoGare;
    2. “17.1. CARICAMENTO DELLA BUSTA C – OFFERTA ECONOMICA OPZIONE 2 – NON GENERAZIONE A VIDEO”, la cui offerta economica non è generata cliccando sul tasto “Genera offerta economica”, in quanto verrà gestita extra sistema TuttoGare, con un file in Excel predisposto dalla Stazione Appaltante.
    Nel caso specifico, non essendo prevista alcuna offerta economica, in quanto la gara sarà aggiudicata ai sensi dell’art. 97, comma 5 del D. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e ss.mm. ii., l’operatore economico non dovrà generare sul sistema TuttoGare alcuna offerta economica e sarà tenuto esclusivamente a caricare la Busta “C – Offerta Economica”, in tutti i lotti di partecipazione, con un file “in bianco”, anch’esso firmato digitalmente secondo le modalità individuate al paragrafo 17.1. e al paragrafo 15.4. del presente disciplinare di gara.
      

     
    26/02/2021 17:01
  78. 22/02/2021 14:45 - Data l’emergenza sanitaria e l’impossibilità di effettuare i sopralluoghi, si richiede elenco di tutte le attrezzature ed apparecchiature di cui sono provvisti i centri di cottura. Cordiali saluti

    Tutte le cucine di norma sono dotate delle attrezzature e degli impianti necessari per lo svolgimento del servizio nonché di piatti e stoviglie
    26/02/2021 18:20
  79. 23/02/2021 12:51 - Buongiorno,
    La presente al fine di richiedere di confermare che l’attività di somministrazione/produzione pasti self-service  derivante da un contratto di appalto sottoscritto con una Amministrazione Pubblica o Privata, che non si prospetta dunque come ristorazione commerciale data la natura del contratto dal quale ne scaturisce lo stesso servizio, possa  essere considerato come servizio analogo di ristorazione collettiva al fine di soddisfare il requisito di cui al punto ” 7.2 REQUISITI DI CAPACITA’ ECONOMICO FINANZIARIA” – lettera d) pagina 11 del disciplinare


    Si rimanda al punto 7.2 lettera d) del Disciplinare di Gara ed in particolare alla definizione di servizi analoghi 
    26/02/2021 18:25
  80. 23/02/2021 14:55 - Buongiorno,

    in riferimento alla “Gara Europea a Procedura Aperta per l’appalto del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020 suddivisa in 15 lotti prestazionali e territoriali codice NUTS: ITI 4 “  tutti i lotti, si richiedono i seguenti chiarimenti:
    • si chiede come venga somministrata l’acqua agli utenti (bottiglie, acqua di rete filtrata);
    • nei punti a)  b) dell’offerta tecnica viene richiesto agli Operatori Economici di produrre una dichiarazione di impegno con i fornitori all’interno della quale dovranno essere indicate le quantità. Quali quantità devono essere specificate? Cosa esattamente bisogna dichiarare?
    In attesa di gentile riscontro, cordiali saluti
     


      1. Si rimanda alla lettura dell’art. 25 del C.S.D.P.
      2. Si rimanda alla risposta 4 fornita per il quesito  n. 22 e alle risposte fornite per il quesito n.69
         
    26/02/2021 18:32
  81. 23/02/2021 14:56 - Buongiorno,

    in riferimento alla “Gara Europea a Procedura Aperta per l’appalto del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020 suddivisa in 15 lotti prestazionali e territoriali codice NUTS: ITI 4 “  tutti i lotti, si richiedono i seguenti chiarimenti:
    • si chiedono le modalità con cui viene effettuato il servizio in ogni ordine di scuole, in particolare modo si chiede di specificare se sono utilizzati vassoio e sistema self service oppure somministrazione al tavolo; se vengono utilizzate tovagliette sia sui vassoi che sui tavoli oppure se non ne è previsto l’utilizzo, infine se devono essere utilizzati tovaglioli di carta.   
    In attesa di gentile riscontro, cordiali saluti


      1. Si rimanda alla lettura del C.S.D.P. e dei suoi allegati tecnici ed in particolare all’Allegato tecnico n.5
    26/02/2021 18:35
  82. 23/02/2021 19:26 - Buonasera,
    si  formula la presente per manifestare quanto segue:

    Il decreto legge Milleproroghe D.l. 31 dicembre 2020, n. 183  ed Il Decreto Legge numero n. 2 del 14.01.2021 relativo a “ Ulteriori  disposizioni  urgenti  in  materia   di   contenimento   e prevenzione  dell'emergenza   epidemiologica   da   COVID-19   e  di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021”  hanno di fatto prorogato lo stato di emergenza  su tutto il territorio nazionale   ed in particolare ha prorogato il blocco dello spostamento tra regioni sino al 27.03.2021.
    Considerato  che ai fini della esatta valutazione e definizione della offerta tecnico qualitativo da presentare, in particolare la definizione delle filiere produttive per il reperimento delle materie prime , prodotti e prodotti di trasformazione, coerenti con le richieste del capitolato di gara,  risulta indispensabile incontrare e valutare con appositi addetti la produzione e prodotti di diversi fornitori  presenti sul  territorio nazionale per esatte ed attente valutazioni che non possono essere fatte telefonicamente e nemmeno collegandosi in video chiamata o da remoto.
    Considerato che vi sono produttori che hanno sede nelle regioni classificate come zona rossa nelle quali è interdetto qualsiasi tipologia di spostamento anche per motivi di lavoro,  siamo a richiedere una proroga della scadenza del termine della presentazione delle offerte anche in rispetto del principio del favor partecipationist in modo da mettere tutti gli operatori economici nelle condizioni di effettuare le valutazioni tecniche qualitative confacenti alla richieste progettuali di Codesta Stazione Appaltante.
    Tale richiesta viene anche formulate in rispetto degli obiettivi e dei principi di contenimento emergenza covid contenuti nei soprarichiamati decreti

     


    Si rimanda al riscontro già fornito per la Faq n° 38
     
    26/02/2021 18:38
  83. 24/02/2021 10:05 - Con riferimento alla gara in oggetto, si chiede di avere informazioni dettagliate sul personale attualmente occupato e più precisamente:
    numero degli addetti
    livelli anzianità di servizio
    ore giornaliere svolte
    eventuali maternità
    eventuali contratti a termine
    profilo professionale
    In conformità alle linee Guida A.N.AC. n. 13, difatti, la stazione appaltante – allo scopo di consentire ai concorrenti di conoscere i dati del personale da assorbire - indica gli elementi rilevanti per la formulazione dell’offerta nel rispetto della clausola sociale.
    Tali informazioni, a norma dell’art. 24 del Disciplinare di gara, sono contenute nel documento “depositato presso l’Ufficio proponente che contiene in forma anonima: il numero di unità, monte ore, CCNL applicato dall’attuale appaltatore/esecutore, qualifica, livelli retributivi, scatti di anzianità, sede di lavoro, eventuale indicazione dei lavoratori assunti ai sensi della legge 12 marzo 1999”.
    Si chiede, pertanto, la pubblicazione di  tale documento, anche in considerazione della non esaustività  degli allegati  tecnici nn.1 e 11 al C.S.D.P., più volte citati anche nei chiarimenti forniti.
    Certi di Vs positivo riscontro, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti


    Si rimanda al riscontro già fornito per la Faq n° 8
     
    26/02/2021 18:40
  84. 24/02/2021 14:33 - In riferimento alla gara in oggetto e considerando che il termine previsto per la presentazione delle offerte è fissato per il giorno  4 Marzo 2021, che tale termine risulta troppo ristretto in relazione alla complessità degli oneri posti a carico dei partecipanti e degli elaborati tecnico-progettuali richiesti, considerata la necessità di svolgere un’analisi attenta e scrupolosa dell’ esigenze specifiche della stessa Stazione Appaltante, valutata anche la particolare situazione emergenziale dovuta alla diffusione del virus Sars – Cov-2 (Covid 19), al fine di consentire alla scrivente società una ragionevole e concreta partecipazione alla gara formulando un’adeguata offerta tecnica, si chiede che codesta spettabile Amministrazione voglia concedere una proroga congrua dei termini di scadenza della procedura allo scopo di consentire una circostanziata organizzazione e partecipazione alla gara di cui si tratta.

     


    Si rimanda al riscontro già fornito per la Faq n° 38
     
    26/02/2021 18:42
  85. 24/02/2021 15:35 - La scrivente al fine della partecipazione della procedura , con la presente chiede di pubblicare l’inventario  di tutte le  attrezzature presenti sia nelle cucine che presso i terminali di consumo ed il loro stato d’uso di tutti i lotti . Tale dato fondamentale ai fini di una corretta e mirata valutazione per la partecipazione . 

    Si rimanda alla risposta fornita per la FAQ n. 80
    26/02/2021 19:11
  86. 19/02/2021 14:52 - L’ART. 15.2 del disciplinare stabilisce che “in caso di ricorso al subappalto di chiede la compilazione della sezione D” del DGUE, ove viene chiesto di inserire il nominativo dei subappaltatori.  Poiché il comma 6 dell’art. 105 del D.lgs. n. 50/2016 è sospeso fino al 31 dicembre 2021 (ai sensi dell'art. 1, comma 18, secondo periodo, della legge n. 55 del 2019, e dell'art. 13, comma 2, lettera c), del decreto-legge n. 183 del 2020) si chiede conferma che la richiesta di indicare il nominativo dei subappaltatori con la relativa percentuale e di presentare un DGUE per ogni subappaltatore sia un refuso in quanto la normativa in vigore ha sospeso l’obbligo di indicare in sede di offerta i nominativi dei subappaltatori e fissa ad un momento successivo all’aggiudicazione la verifica dei requisiti soggettivi in capo ai subappaltatori (art. 106, comma 7, D.lgs. n. 50/2016).

    Si conferma che all’atto dell’offerta il concorrente indica le parti del servizio che intende subappaltare
    01/03/2021 12:41
  87. 19/02/2021 15:18 - In riferimento alla procedura in oggetto, si richiedono i seguenti chiarimenti:
    1. All’art. 16, pag. 34 del disciplinare “CONTENUTO DELLA BUSTA B – OFFERTA TECNICA” si legge: “… Le eventuali soluzioni migliorative proposte costituenti l’offerta tecnica potranno essere articolate in un nuovo schema di contratto/capitolato speciale descrittivo prestazionale redatto a cura del concorrente – anch’esso in formato PDF – e che sarà approvato dall’Ufficio proponente in caso di aggiudicazione definitivo”.
    Si chiede di chiarire, in virtù di quanto soprariportato e ai fini della maggiore completezza ed esaustività del progetto tecnico da offrire in sede di gara, se il concorrente deve redigere un nuovo schema di contratto, ovvero, se debba/possa integrare quello già predisposto dalla S.A. e pubblicato tra gli atti di gara.
    In ogni caso, si chiede di chiarire la portata contenutistica di tale onere, specificando se si tratta di indicare e riportare solo gli aspetti migliorativi del progetto tecnico.
    Inoltre, si chiede di chiarire, sotto il profilo modale, dove debba essere caricato/inserito il suddetto schema/capitolato speciale descrittivo, ovvero, se lo stesso debba essere allegato all’offerta tecnica o inserito in apposita sezione telematica specificatamente indicata dalla S.A.
    1. Nell’allegato 3, relativo alle tabelle merceologiche 2021/2026, specificatamente a quanto riportato per i Pomodori pelati a pag. 39, le principali caratteristiche dovranno essere le seguenti: biologici; produzione, trasformazione e confezionamento entro 300km dal Campidoglio; prodotti esclusivamente con pomodori San Marzano di produzione Nazionale.
    Da un’indagine di mercato nonché da quanto affermato dal Consorzio del pomodoro San Marzano a seguito di nostro interpello, il pomodoro San Marzano è una categoria merceologica che risponde solo al marchio DOP (denominazione di origine protetta) e non anche al biologico.
     Si chiede di chiarire, in virtù di quanto soprariportato e ai fini della maggiore completezza ed esaustività del progetto tecnico da offrire in sede di gara, considerando che tale categoria merceologica è presente in tutte le preparazioni dei primi piatti selezionati per essere realizzati con prodotti (100% per ottenere il massimo punteggio) provenienti da operatori dell’agricoltura sociale e/o da LAQ, come poter concorre all’ottenimento del massimo punteggio sul criterio di valutazione a.1 relativo ai MENU SOCIALI, atteso che il pomodoro pelato può essere biologico a condizione che sia ottenuto solo da pomodori “TIPO” San Marzano ovvero che il pomodoro pelato ottenuto da pomodori San Marzano sia solo DOP e non anche biologico.


    R 1 . Si rimanda alla lettura del punto 16 del Disciplinare di gara e si chiarisce che lo schema di contratto va integrato con gli aspetti migliorativi contenuti nell’offerta tecnica presentata (BUSTA B).
    R 2 . Si rimanda al riscontro fonrito per il quesito n. 14.
    01/03/2021 12:46
  88. 23/02/2021 14:57 - Buongiorno,

    in riferimento alla “Gara Europea a Procedura Aperta per l’appalto del servizio di ristorazione scolastica nei nidi capitolini, nelle sezioni ponte, nelle scuole dell’infanzia comunali e statali, primarie e secondarie di primo grado site nel territorio di Roma Capitale, in conformità ai parametri di sostenibilità ambientale di cui al D.M. 10 marzo 2020 suddivisa in 15 lotti prestazionali e territoriali codice NUTS: ITI 4 “  tutti i lotti, si richiedono i seguenti chiarimenti:
    • si chiede conferma che in caso di partecipazione a più lotti la domanda di partecipazione debba essere unica per tutti i lotti?
    • si chiedono spiegazioni su come debba avvenire il pagamento dell’imposta di bollo nel caso di partecipazione a più lotti (un solo pagamento o più pagamenti in funzione dei lotti di partecipazione);
    • la marca da bollo o l’imposta di bollo a mezzo pagamento F23, deve essere una per ogni domanda o una per ogni 4 facciate della domanda?
    • in caso partecipazione in RTI costituendo si chiede se la domanda di partecipazione debba essere compilata da ogni componente del RTI o solamente dalla mandataria?
    • l’autentica richiesta al punto 7) dell’art. 10 “GARANZIA PROVVISORIA”, è da intendersi in uno dei modi descritti successivamente al punto 9) dello stesso articolo?
    • si chiede se vi siano limiti di pagine, carattere ed interlinea per la stesura del progetto e se possano essere presentati degli allegati all’offerta tecnica;
    • si richiede l’elenco con il personale attualmente in essere suddiviso per tutti i Municipi, comprensivo di livello, mansione e monte ore contrattuale, in quanto nell’articolo 14 del Capitolato non sono indicati tali dati;
    • nel punto del Disciplinare 18.2 B. “Menu solidali” viene riportato che il concorrente deve offrire almeno il 50% dei prodotti provenienti dalle zone terremotate. Si chiedono dettagli di come tale percentuale debba essere calcolata ovvero a quale valore si debba applicare il 50 % di prodotti provenienti da zona terremotate. Si chiede conferma che per somministrazione si intenda una giornata di menu. Infine si chiede a quali menu di debba far riferimento per il calcolo;
    • nei punti del Disciplinare 18.2 A vengono richieste delle dichiarazioni del Legale Rappresentante ma viene anche riportato che si deve produrre un progetto. Si chiedono dettagli di cosa debba contenere il progetto e con quale parametro verrà attribuito il punteggio;
    • nel punto C del Disciplinare viene sempre riportata la richiesta di produrre un progetto, anche per tali punti si chiedono specifiche di cosa debba riportare tale documento oltre alla modalità di attribuzione del punteggio.

    In attesa di gentile riscontro, cordiali saluti


    R 1. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 12;
    R 2. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 12;
    R 3. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 12;
    R 4. si rimanda al punto 15 del Disciplinare di gara;
    R 5. si rimanda al punto 10 del Disciplinare di gara e al riscontro fornito alla FAQ n.12;
    R 6. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 4;
    R 7. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 8;
    R 8. si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 4;
    R 9. si rimanda ad una attenta lettura del punto 18 del Disciplinare di gara e dell’art. 79 del C.S.D.P.;
    R. 10.si rimanda ad una attenta lettura del punto 18 del Disciplinare di gara e dell’art. 79 del C.S.D.P.
     
    01/03/2021 13:16
  89. 22/02/2021 15:55 - In riferimento all’Allegato 1 Lotto 6 Mun.III:
    • Per il Plesso Valle Scrivia viene indicato come giorni refezionali delle scuole della primaria 1+1; 1+2; 1+3;1+4. Si chiede di conoscere i giorni corretti di refezione e del numero degli alunni iscritti.
    • Per il Caterina Usai viene indicato come giorni refezionali delle scuole della primaria 1+1; 1+2; 1+3;1+4. Si chiede di conoscere i giorni corretti di refezione e del numero degli alunni iscritti.
    • Per il plesso Maria Stern Nuovo viene indicato come giorni refezionali delle scuole della primaria 1+3;1+4. Si chiede di conoscere i giorni corretti di refezione e del numero degli alunni iscritti.
    • Per il plesso Carlo Levi viene indicato come giorni refezionali delle scuole della primaria 2+3. Si chiede di conoscere i giorni corretti di refezione e del numero degli alunni iscritti.
    • Per il plesso Torricella Nord viene indicato come giorni refezionali delle scuole della primaria 1+4. Si chiede di conoscere i giorni corretti di refezione e del numero degli alunni iscri


    R. Si precisa che l’indicazione del giorno di refezione aggiuntivo (es:+1,+2) si riferisce alla presenza del servizio di ristorazione a domanda individuale per la scuola corrispondente. Per servizio di ristorazione a domanda individuale si intende il servizio erogato agli alunni che partecipano alle attività integrative pomeridiane previste dal Piano Formativo della scuola.
    A titolo esemplificativo per la scuola primaria del plesso Valle Scrivia oltre al servizio erogato per 5 giorni e al modulo di 1 giorno a settimana si aggiunge il servizio di ristorazione a domanda individuale, come di seguito descritto:
    1 giorno modulo+1 giorno a domanda individuale=2 giorni di ristorazione per 2 utenti
    1 giorno modulo+2 giorni a domanda individuale=3 giorni di ristorazione per 3 utenti
    1 giorno modulo+3 giorni a domanda individuale=4 giorni di ristorazione per 1 utenti
    1 giorno modulo+4 giorni a domanda individuale=5 giorni di ristorazione per 14 utenti
     
     
    01/03/2021 15:03
  90. 23/02/2021 08:58 -
    In riferimento all’Allegato 1 – Lotto 13 Mun. XV si richiede di voler indicare i centri di produzione dei pasti per i seguenti terminali di consumo:
    1. Scuola infanzia statale La Farfalla –T(2)
    2. Scuola primaria Santa Maria Galeria/Osteria Nuova – T(3)
    3. Scuola infanzia comunale e primaria Mengotti – T(1)


    R. 1 Per la scuola La Farfalla il centro produzione dei pasti è La Mimosa ubicata in via Concesio, 12  
    R. 2 Per la scuola Osteria Nuova il centro produzione dei pasti è la scuola primaria Angelini dello stesso I.C.
    R. 3 Per la scuola Mengotti il centro produzione dei pasti è la scuola primaria Mengotti dello stesso I.C.
    01/03/2021 15:06
  91. 23/02/2021 12:49 - Buongiorno, 

    in riferimento alla procedura in oggetto, con la presente, siamo a richiedere i seguenti chiarimenti:
     
    1. In riferimento alle indicazioni dell’allegato 1 colonna “centro di cottura” siamo a chiedere informazioni relativamente ai seguenti dati mancanti/incongruenze:
      1. Lotto 1:
    • I.C. Via T. Mommsen T1, I.C. Via Latina 303 T5 (manca l’indicazione della scuola veicolata)
    • I.C. Corradini T4 (manca l’indicazione della cucina di riferimento)
      1. Lotto 3:
    I.C. Laparelli T5, I.C. Viale Venezia Giulia T6, I.C. Via dei Sesami (si chiede di specificare il servizio)
      1. Lotto 4:
    I.C. Buzzati T12, I.C. Savarino T14 (si chiede di specificare il servizio)
      1. Lotto 6:
    • I.C. Uruguay T4, I.C. Majorana T9 (si chiede di specificare il servizio)
    • i.C. Levi T6 (manca l’indicazione della scuola veicolata)
      1. Lotto 13:
    • I.C. Nitti T1 (manca l’indicazione della cucina di riferimento)
    • I.C. Lucio Fontana plesso Grotta rossa (si chiede di specificare il servizio per scuola)
      1. Lotto 15:
    I.C. Spizzichino T2, T4 (si chiede di specificare il servizio)


    2. In riferimento all’allegato 1 e ai pasti giornalieri ivi indicati, riscontrando delle incongruenze ed errori di calcolo all’interno delle tabelle relative ai singoli lotti, si chiede conferma di prendere in esame come dato “certo” le indicazioni riportate nella colonna “Totali pasti giornalieri in base al calo fisiologico delle presenze del 15%, anche se non corrispondenti all’esatto calcolo matematico.
    Ad es. Lotto 1 I.C. Via del Calice plesso Gregna: Per la scuola primaria è indicato un giorno di servizio a settimana per 34 utenti e nel calcolo dei pasti giornalieri è riportato 34 anziché la media settimanale cioè 34/5=6,8
    Ad es. Lotto 10 I.C. Bargoncini Duca plesso S. Maria alle Fornaci per la scuola secondaria sono indicati 3 giorni di servizio a settimana per 52 utenti e nel calcolo dei pasti giornalieri è riportato 52 anziché la media settimanale cioè (52*3)/5=31,2


    R 1. Si precisa quanto segue I.C. Via Latina 303 T5 trasportato interno per la stessa scuola Ada Negri 
    Il trasportato proveniente da Verdi Gela (I.C. Mommsen) era per la scuola secondaria di primo grado Petrarca, che però da quest'anno non è attivo
    Il centro cottura della scuola dell'infanzia statale San Matteo 102, si trova in Via San Matteo, 104R

    R 2. si conferma quanto già riportato nell’Allegato 1, in particolare:
    I.C. Laparelli T5 trasportato dalla scuola primaria Mancini, via Manfroni 7;
    I.C. Viale Venezia Giulia T6 trasportato dalla scuola primaria Giovanni XXIII, Viale Partenope 55
    I.C. Via dei Sesami T7 trasportato dalla scuola primaria Palmiro Togliatti dello stesso IC
     
    R 3. si conferma quanto già riportato nell’Allegato 1, in particolare:
    I.C. Buzzati T12 Pasti trasportati dalla scuola primaria Ferratella;
    I.C. Savarino T14 trasportato dalla scuola infanzia statale e primaria Santi Savarino

    R 4. si conferma quanto già riportato nell’Allegato 1, in particolare:
    I.C. Uruguay T4 trasportato dalla Sc. prim.Cinquina Via Serassi, 75
    I.C. Majorana T9 trasportato dalla Sc. prim. Piaget Via Seggiano, 34
    T6 (6) trasportato dalla Sc.Carlo Levi Via Serrapetrona, 121 servizio di trasportato presso il plesso Monte San Giusto

    R 5. Per la scuola Mengotti dell’IC Nitti il centro produzione dei pasti è la scuola primaria Mengotti dello stesso I.C.
     Per l’I.C. Lucio Fontana plesso Grotta rossa non è chiaro il quesito posto dato che nell’allegato 1 sono presenti tutte le informazioni necessarie.

    R 6. R. Non è chiaro il quesito in ogni modo si conferma quanto riportato nell’allegato 1 in merito ai trasportati (T1, T2 e T3 ) dell’ I.C. Poggiali-Spizzichino

    R 2.Si conferma di prendere in esame le indicazioni riportate nella colonna “Totali pasti giornalieri in base al calo fisiologico delle presenze del 15%.






     
    01/03/2021 15:23
  92. 24/02/2021 11:55 - Buongiorno,
    nel Disciplinare, a pag.37 criterio A, pag.38 e pag.39 criterio B, pag.40 criterio C2, pag.41 criterio C3 viene espressamente indicato che la somministrazione dei prodotti di qualità è riservata a tuttti gli utenti  ad esclusione dei nidi..
    Si chiede conferma che trattasi di refuso quanto da Voi espresso nella risposta a QM 3471 FAQ N° 22 (R3. E’ da intendersi per tutti gli utenti delle scuole, dei nidi e del personale docente).
     


    R. Ove non espressamente specificato nel CSDP all’ art 79, la tipologia di utenza è quella indicata alla FAQ n° 22
     
    01/03/2021 15:25
  93. 24/02/2021 12:24 - Egregi
    Con la presente si chiede di chiarire quanto segue:
    l’art 9 del disciplinare di gara e l’art 105 del D.Lgs 50/2016 non prescrivono in nessun modo l’indicazione in fase di gara dei nominativi dei subappaltatori ma solo le prestazioni da subappaltare poichè dalla risposta al quesito QM 2642, che qui di seguito viene riportata, vi è un evidente contrasto con la normativa, la scrivente intende chiedere se nella documentazione di partecipazione alla gara deve indicare il nominativo delle ditte a cui intende subappaltare in caso di aggiudicazione le parti del servizio di disinfestazione, derattizzazione e manutenzione. In caso affermativo si chiede se vi è l’obbligo di dimostrare in fase di gara il possesso dei requisiti dei subappaltatori.
    Inoltre si chiede se i subappaltatori che danno disponibilità alla scrivente possono rilasciare la stessa disponibilità ad altri concorrenti in lotti diversi.

    “Risposta a QM 2642 a) La dichiarazione di subappalto non è sufficiente a comprovare il possesso dei requisiti. Per la comprova degli stessi si rimanda, per quanto riguarda eventuali prestazioni di pronto intervento e piccola manutenzione, a quanto specificato al punto 7.2 lettera e) “servizi di riparazione e manutenzione vari” del Disciplinare di Gara e per quanto riguarda le attività di derattizzazione e disinfestazione al punto 7. 1 lettere a) e b) del Disciplinare di Gara.”
     


    Si rimanda ai chiarimenti forniti alle FAQ nn. 22 e 73
    01/03/2021 15:30
  94. 24/02/2021 17:56 - Spett.le amministrazione,
    con riferimento alla presente gara, si chiede di fornire il seguente chiarimento:
    - In merito al criterio di valutazione c.2 relativo all’introduzione di menu a base di filetti di pesce fresco da itticoltura nazionale, si chiede se è corretta l’interpretazione per cui, al fine dell’ottenimento del massimo punteggio (max 17 punti), è necessario offrire unicamente n.12 somministrazioni annue di “solo” filetto di spigola fresca biologica?
    - Qualora la risposta fosse affermativa, è corretto l’interpretazione per cui se i concorrenti offrissero sempre 12 somministrazioni ma di tipo misto (sia fresco biologico che fresco convenzionale) non potranno concorrere all’ottenimento del massimo punteggio ma lo stesso sarà proporzionato secondo la formula riportata in calce al criterio all’interno del Disciplinare di gara?

    Cordiali Saluti


    R. Si rimanda all’attenta lettura dell’art 79 del CSDP
     
    01/03/2021 15:34
  95. 25/02/2021 08:44 - A seguito di pubblicazione del chiarimento nr. 37 con la presente siamo a portare alla Vostra attenzione alcune ulteriori motivazioni.
    Di fatto il diniego ad effettuare il sopralluogo e quindi l'impossibilità per gli operatori economici di visionare degli spazi ove si andrà ad operare nonché dello stato delle attrezzature o degli edifici concessi in comodato d'uso e che dovrebbero altresì essere oggetto di eventuali opere di manutenzione, lascia alcuni concorrenti in mancanza di alcune informazioni necessarie alla corretta predisposizione di un'offerta.
    Inoltre la difficoltà di reperimento dei prodotti richiesti al fine della partecipazione alla procedura di gara, dovuta anche ad un'oggettiva difficoltà di comunicazione con piccoli produttori che spesso si trovano impossibilitati a rispondere in tempi brevi a causa delle molteplici richieste pervenute, aggravata ulteriormente a causa della situazione emergenziale che ancora stiamo vivendo e che comporta una riduzione del personale in forza in qualsiasi attività produttiva, non fa altro che avvantaggiare i concorrenti che ad oggi risultano essere i gestori uscenti nei vari lotti: il principio della par condicio competitorum presuppone invero che le offerte siano soggette alle medesime condizioni per tutti i partecipanti e che gli offerenti dispongano delle stesse possibilità; 
    Infine, l'impossibilità di dimostrare i requisiti attraverso il c.d. subappalto qualificante, imponendo quindi seppure per un importo irrisorio, ai concorrenti di dovere partecipare in RTI per la parte riguardante i servizi accessori di riparazione e manutenzioni varie, non fa che imporre ai concorrenti ulteriori oneri che ulteriormente riducono la tempistica a disposizione per la predisposizione dell'offerta.
    Concedendo alcuni giorni di proroga del termine di presentazione delle offerte si garantirebbe altresì l'ampliamento delle imprese in gara nel rispetto del principio di favor partecipationis.
    Per questi motivi, si chiede cortesemente di voler concedere proroga del termine di presentazione delle offerte di almeno 20 giorni rispetto al termine ora previsto del 04/03/2021

    Cordiali saluti


    Si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 38
    01/03/2021 15:43
  96. 25/02/2021 12:30 - Spettabile Amministrazione Aggiudicatrice;
    siamo a richiedere i seguenti chiarimenti:
     
    L’attività di erogazione pasti  self service svolta presso un bar  esistente all’interno di una pubblica amministrazione, quale ospedali o uffici,  proveniente da un contratto pubblico di appalto e quindi non avente natura commerciale può essere ritenuto un servizio analogo alla ristorazione collettiva non commerciale  riconducibile a quelli come meglio descritti nella documentazione di gara?
     
    In caso di partecipazione in Costituendo Raggruppamento temporaneo di imprese,  nel quale una sola svolgerà i servizi di disinfestazione derattizzazione e manutenzione, il requisito relativo al possesso della iscrizione per la fascia di classificazione lettera a) deve essere soddisfatto da tutte le aziende facenti parte del raggruppamento?

    Considerato che i servizi di manutenzione e disinfestazione sono servizi secondari e non principali dell’appalto in questione, qualora un operatore partecipante alla procedura non sia in possesso del requisito relativo alla iscrizione fascia di classificazione lettera a) del DM 274/97 può dichiarare in sede di gara di voler subappaltare  i servizi per i quali è richiesta la fascia di classificazione lettera a) ad operatore che ne sia in possesso?
     
    In caso di ricorso al subappalto occorre indicare la terna dei subappaltatori oppure occorre esclusivamente rendere dichiarazione di volontà ricorso al subappalto?

    In caso di partecipazione in Costituendo Raggruppamento Temporaneo di Imprese la registrazione al portale tuttogare deve essere fatta esclusivamente dalla Capogruppo oppure anche dalle mandanti?
     
    Il disciplinare di gara alla pagina 33 punto 16 prevede che l’offerta tecnica dovrà essere predisposta secondo le modalità del punto 16.1 – contenuto della busta “B -offerta Tecnica”  , punto che esplicita esclusivamente le modalità di invio, ma non il contenuto della stessa.
    Il contenuto della busta tecnica  si evince esclusivamente dalla griglia di valutazione riportata alla pagina 36 , in base alla quale si ipotizza che la busta tecnica dovrà essere costituita da dei file pdf o schede  corrispondenti ai criteri tabellari richiesti salvo il criterio D “ Attività di comunicazione” che risulta essere l’unico criterio discrezionale/descrittivo.
    Per tale motivo non riusciamo a comprendere in cosa consiste il capitolato tecnico prestazionale o schema di contratto richiesto in caso di offerta delle migliorie – siamo a richiedere di meglio  chiarire le caratteristiche della richiesta e di confermare che la sopracitata documentazione in caso di presentazione non sarà un elemento di valutazione e/o attribuzione del punteggio.
     
    Nel disciplinare di gara non sono indicati i criteri minimi che l’offerta tecnica dovrà rispettare a pena di esclusione, vi è un punteggio minimo ? vi è lo sbarramento al punteggio della offerta tecnica? È riferito ai criteri minimi e/o condizioni che le materie prime e prodotti offerti dovranno rispettare?
     
    Il portale tuttogare prevede anche il  caricamento della busta offerta economica nonostante le norme di gara prevedano che i 100 punti saranno assegnati sulla offerta tecnico qualitativa , domanda: cosa andrà caricato nella sezione corrispondente alla busta economica? Essendo comunque uno step obbligatorio per la trasmissione della offerta?

    Considerando la complessità della offerta tecnico/qualitativo da presentare e al fine di una più efficace ed attenta valutazione delle caratteristiche economico/qualitative dei prodotti e servizi da offrire in rispetto delle prescrizioni delle norme di gara siamo a richiedere una proroga della scadenza della presentazione delle offerte.
    Tale richiesta è effettuata anche considerando il protrarsi dell’emergenza pandemica COVID-19 che di fatto con il decreto mille proroghe ha prorogato il divieto di circolazione sul territorio nazionale limitando la possibilità di ricercare ed incontrare fornitori ( per valutazioni che non possono essere effettuate al telefono o da remoto) anche in virtu del principio del favor partecipationist al quale le pubbliche amministrazioni devono uniformarsi al fine di garantire la partecipazione del  maggior numero di partecipanti possibili alle procedure  di gara, chiedendo altresì di  integrare/rivedere la documentazione di gara ed in particolare il paragrafo relativo ai contenuti e alle modalità di predisposizione della offerta tecnica che risulta poco chiaro e di difficile interpretazione

    Certi di vostro positivo riscontro ringraziamo e porgiamo i distinti saluti


    R 1. Si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 88
    R 2. Si rimanda al punto 7.4 lett. b) del Disciplinare di Gara
    R 3 e 4. Si rimanda al risocntro fornito alle FAQ nn. 22 e 73
    R 5 . Si rimanda al punto 15.1 del Disciplinare di gara
    R 6 e 7 . Si rimanda al punto 18.1 del Disciplinare di gara “ criteri di valutazione dell’offerta tecnica”
    R 8. Si rimanda ai riscontri forniti alle FAQ nn. 66 e 67
    R 9. Si rimanda al riscontro fornito alla FAQ 38




     
    01/03/2021 16:06
  97. 25/02/2021 12:55 - Con la presente si richiedono i seguenti chiarimenti:
    1) Si chiede di confermare se nei punti A e B del disciplinare
    1. con il termine “Fornitore/i” si intendano i soggetti economici che cederanno i prodotti alimentari alla ditta di ristorazione all’aggiudicazione del servizio
    2. con il termine subfornitore si intendono i produttori delle derrate ovvero i soggetti (produttori primari o trasformatori) che ai termini del reg 1169/2011 sono identificabili dall’etichetta apposta sull’alimento.
    2) Si chiede di confermare Se le offerte, punto A e punto B, presentate dal concorrente potranno essere oggetto di valutazione
    1. solo se vengano allegati all’offerta contratti preliminari sottoscritti sia dal Sub-fornitore che dalla ditta di ristorazione concorrente e che esprimano in maniera preliminare il reciproco impegno a coordinarsi in una filiera di fornitura
    Oppure
    1. anche qualora vengano allegati all’offerta contratti preliminare tra Fornitore (Intermediario commerciale) e la ditta di ristorazione concorrente con annessi contratti sottoscritti del Fornitore con i sub-fornitori.
    3) Si chiede di confermare Se, qualora al precedente quesito 2 la risposta corretta fosse “b”
    1. l’offerta è valutabile solo se nel contratto preliminare tra Fornitore e Sub Fornitore allegato all’offerta ci sia esplicito riferimento alla ditta di ristorazione concorrente
    Oppure
    1. l’offerta è valutabile anche se nel contratto tra Fornitore e Sub Fornitore non ci fosse alcun riferimento alla ditta di ristorazione concorrente
    4) Si chiede di confermare che, per ottenere il massimo dei punti nella sezione A dell’offerta il 100% degli ingredienti delle ricette sociali offerte devono essere da agricoltura sociale o LAQ; pertanto, essendo il sale iodato un ingrediente dei primi piatti sociali, il massimo del punteggio può essere attribuito solo ai concorrenti che offrano sale provenire da azienda dell’ Agricoltura Sociale.

    5) Si chiede di confermare che, considerato il chiarimento 4 del 02/02/21 R. b) punto 5. che indica che “Per le pietanze prescelte, tutti gli ingredienti devono provenire da aziende di zone terremotate del Centro Italia”
    a) qualora le pietanze offerte nel menu solidale prevedano il sale come ingrediente è necessario, ai fini della valutazione, che anche questo provenga da una azienda di confezionamento delle zone terremotate del Centro Italia
    b) qualora si offra il pane come pietanza solidale anche gli ingredienti che lo compongono (farina, sale) debbono provenire da aziende del cratere sismico
    d) qualora una pietanza abbia un ingrediente trasformato (es. pasta di semola o confettura di frutta), anche gli ingredienti che lo compongono (semola, frutta, etc) devono provenire da aziende del cratere sismico

    6) Si chiede di confermare che, se il concorrente propone nella sezione b dell’offerta una ricetta (esempio frittata) che, in base alle indicazioni dell’allegato 2, preveda come ingrediente latte UHT convenzionale
    a) è possibile proporre la stessa ricetta con latte fresco convenzionale proveniente dal cratere sismico inquanto il latte fresco è di classe merceologica superiore all’UHT.
    b) è possibile proporre la stessa ricetta con latte fresco purchè bio, perché nell’allegato 3 del CSDP prevede che il latte fresco sia bio.
    c) non è possibile proporre la stessa ricetta con latte fresco. La ricetta può essere prodotta solo con latte UHT

    7) Si chiede di confermare se la risposta al quesito 45 (Risposta a QM 4046 FAQ n° 48) in coerenza con la risposta al quesito 4 (Risposta a QM 2799 FAQ n° 4) debba leggersi come segue: Una pietanza che contenga anche un solo ingrediente non perveniente da cratere sismico (es. parmigiano o limone) non può essere inserita nel numero del 50% dei prodotti/pietanze solidali al fine dell'acquisizione del punteggio B. Pertanto il concorrente, per acquisire il punteggio deve scegliere un giorno di menu dove può individuare almeno 4 pietanze/prodotti sui 7 presenti nel menu del giorno (spuntino - primo- secondo- contorno- frutta/dessert - merenda) realizzabili con 100% di ingredienti provenienti da aziende del cratere sismico. Le eventuali preparazioni contenenti parmigiano presenti nel menu dovranno pertanto ricadere nel 50% di preparazioni non solidali ammesse nelle giornate solidali.


     


    R 1.1 Si conferma 
    R 1. 2 Si conferma
    R 2. Si rimanda al riscontro forntiro alla FAQ n. 70
    R 3. Si chiarisce che le dichiarazioni, come previsto al punto 18 del Disciplinare di gara, contenenti l’impegno assunto (indicazione delle tipologie, della quantità e delle caratteristiche merceologiche dei prodotti alimentari, elenco dei fornitori, indicazione delle relative caratteriste soggettive), siano sottoscritte dal Legale Rappresentante della ditta di ristorazione concorrente.
    R 4. Si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n.4 
    R 5. Si rimanda al riscontro fonrito alla FAQ n. 53
    R 6. Si rimanda al risocntro fornito alla FAQ n. 4
    R 7. si rimanda al risocntro fornito alla FAQ n. 2
     
    01/03/2021 16:29
  98. 25/02/2021 14:58 - Gent.mi Signori,

    di seguito ulteriore richiesta di chiarimento:
    1. Capitolato art.56: Si chiede di specificare se gli interventi di derattizzazione e disinfestazione sono a carico dell’OEA anche per i Nidi.
    2. Capitolato artt. 17.1, 15.4: Si chiede conferma di avere correttamente inteso che, poiché non è prevista presentazione di offerta economica, allo step di “Caricamento busta C” in piattaforma (art.17.1) è richiesto unicamente il caricamento di “un file in bianco, anch’esso firmato digitalmente”, come indicato all’art.15.4 (per la Documentazione Amministrativa se si partecipa a più lotti).
    Cordiali saluti


    R 1. Si rimanda al riscontro fornito alla FAQ n. 63
    R 2. Si rimanda al risocntro fornito alla FAQ n 66
    01/03/2021 16:32
  99. 25/02/2021 18:24 - Con riferimento alla comprova requisiti di cui al paragrafo 7.2 del Disciplinare di gara, si chiede conferma che le fatture debbano essere firmate digitalmente solo ed esclusivamente dall’Operatore economico, diversamente chiediamo di indicare le modalità corrette.

    Distinti saluti


    Si, si rimanda alla lettura del punto 7.2 del Disciplinare di gara
    01/03/2021 16:48
  100. 25/02/2021 17:42 - in riferimento al lotto 5, avremmo bisogno di sapere qual è il centro produzione pasti delle scuole FRANCESCO CILEA (SUCC. EX NUOVI PADIGLIONI), dell’ IC via Cilea, e IL CUCCIOLO dell’IC Mozart, in quanto il centro cottura definito all’all. nell’allegato 1 è la Secondaria Mozart  di via cles che però non risulta esistente

    Si conferma che il centro cottura delle scuole Francesco Cilea (succ. ex Nuovi Padiglioni) e il Cucciolo è situato a Via Cles 34, anche se non è presente come centro refezionale, perché riferito ad una scuola secondaria per la quale non è attivo il servizio ristorazione.
     
    01/03/2021 16:56
  101. 22/02/2021 09:00 -
    In riferimento all’Allegato 1 Lotto 5 Mun.X:
    •  viene indicato che l’infanzia comunale viene trasportato dall’infanzia statale Menzio. La scuola infanzia statale Menzio non risulta essere presente nell’elenco dei plessi del Lotto 5. Si richiede  di confermare in quale centro di cottura  vengono i prodotti i pasti.
    • per la scuola primaria Giovanni Paolo II non sono indicati gli iscritti, i giorni di refezione. Si richiede il numero degli iscritti.
    • per la scuola primaria Giovanni Paolo II viene indicato che la scuola non è agibile ed i pasti sono consumati presso la scuola Via Ruspoli. Si chiede di confermare che i gli iscritti indicati per la scuola di Via Ruspoli sono già comprensivi degli iscritti della scuola Giovanni Paolo II
    • per le scuole B. Calderini ed Il Giardino di Sara sono dei terminali di consumo dove i pasti vengono prodotti e trasportati dal centro di cottura della scuola succursale Via De Lullo 110. Nell’elenco dei plessi non risulta la scuola succursale Via De Lullo 110. Si richiede  di confermare in quale centro di cottura  vengono i prodotti i pasti
    • per la scuola Francesco Cilea (succ. ex Nuovi Padiglioni ) è un terminale di consumo dove i pasti vengono prodotti e trasportati dal centro di cottura della scuola secondaria Mozart succursale. Nell’elenco dei plessi non risulta la scuola secondaria Mozart succursale. Si richiede  di confermare in quale centro di cottura  vengono i prodotti i pasti.
    • per la scuola Casal Palocco (ex Pirgotele ) è un terminale di consumo dove i pasti vengono prodotti e trasportati dal centro di cottura della scuola secondaria Mozart succursale. Nell’elenco dei plessi non risulta la scuola secondaria Mozart succursale. Si richiede  di confermare in quale centro di cottura  vengono i prodotti i pasti.
    • Viene indicato come trasportato un nr. 9 dalla scuola inf Tor San Michele, ma nell’elenco dei plessi non viene indicato un terminale contrassegnato con il nr.9. Si richiede se trattasi di refuso.
    • A pagina 27 del disciplinare di gara Parte IV criteri di selezione si chiede di compilare la sezione D del DGUE per dichiarare il possesso del requisito relativo ai sistemi di garanzia della qualità e norme ambientale di cui al paragrafo 7.3. Si chiede di specificare se trattasi di refuso in quanto nel DGUE non è presente la sezione D da compilare e nei requisiti di cui al paragrafo  7.3 non vi è nessun riferimento alle certificazioni.


    Il centro cottura della scuola Scuola Pegaso di via Francesco Menzio 299 è situato in via Menzio 293; non afferisce a nessun Istituto Comprensivo
    Il plesso di Via Catrani è attualmente in fase di ristrutturazione
    Si conferma che gli iscritti indicati per la scuola di Via Ruspoli sono già comprensivi degli iscritti della scuola Giovanni Paolo II di via Catrani attualmente in fase di ristrutturazione
    Come indicato nell’allegato 1 e per la scuola B. Calderini il centro cottura è quello della scuola primaria Malafede Via De Lullo 98
    Si conferma che il centro cottura della scuola Francesco Cilea (succ. ex Nuovi Padiglioni ) è situato a Via Cles 34
    si precisa che nell’Allegato 1 per la scuola Casal Palocco (ex Pirgotele ) è stato indicato un trasportato (T7) dalla Sc. Inf. Casal Palocco Via Euticrate,30
    Si conferma che si tratta di un refuso
    Si conferma che il centro cottura delle scuole Francesco Cilea (succ. ex Nuovi Padiglioni) e il Cucciolo è situato a Via Cles 34, anche se non è presente come centro refezionale, perché riferito ad una scuola secondaria per la quale non è attivo il servizio ristorazione.
    la sezione D del DGUE è una parte standard del DGUE che deve essere riempita laddove ricorrente.

     
    01/03/2021 20:07
  102. 22/02/2021 10:01 - in riferimento al possesso del requisito indicato nel disciplinare 7.1 lettera a, “iscrizione in camera di commercio con attività coorenti all’oggetto di gara” si chiede se per l’attività secondaria “servizi di riparazione e manutenzione CPV 50800000-3,  tale requisito è soddisfatto da un operatore economico in possesso dei seguenti codice ATECORI:
    • 43.21.01 Installazione di impianti elettrici in edifici o in altre opere di costruzione (inclusa manutenzione e riparazione)
      - installazione di impianti elettrici in tutti i tipi di edifici e nelle strutture di genio civile: cablaggio e connessioni elettriche, impianti di illuminazione
      - installazione di impianti di collegamento di elettrodomestici e apparecchi elettrici
      - installazione di impianti fotovoltaici
    • 43.21.02 Installazione di impianti elettronici (inclusa manutenzione e riparazione)
      - cablaggio per telecomunicazioni, reti di elaboratori e sistemi televisivi via cavo, incluse le fibre ottiche, parabole satellitari, impianti di segnalazione d'incendio, sistemi di allarme antifurto
    • 43.22.01Installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dell'aria (inclusa manutenzione e riparazione) in edifici o in altre opere di costruzione
    • 43.22.02Installazione di impianti per la distribuzione del gas (inclusa manutenzione e riparazione)
    • 43.22.03Installazione di impianti di spegnimento antincendio (inclusi quelli integrati e la manutenzione e riparazione)
    • 43.29.01Installazione, riparazione e manutenzione di ascensori e scale mobili
    • 81.10Servizi integrati di gestione agli edifici
    Tale quesito viene posto anche in merito alla descrizione delle prestazioni indicate nell’allegato 6.


    Il possesso del requisito indicato all’art. 7.1 lettera a) del disciplinare di gara relativamente ai “servizi di riparazione e manutenzione vari” (rientranti nel CPV 50800000-3) è soddisfatto dalla dichiarazione del concorrente attestante il fatturato specifico medio annuo, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, negli ultimi tre esercizi disponibili (2017/2018/2019), per servizi analoghi ai servizi summenzionati ed è comprovato dalle fatture e/o contratti, sottoscritti digitalmente ai sensi dell’art. 22 del D. Lgs. n. 82/2005 e ss.mm.ii..
     
    01/03/2021 20:08
  103. 22/02/2021 16:03 - In riferimento all’art. 7.2 e) (Servizi di riparazione e manutenzione vari) del disciplinare di gara ed  alla risposta al chiarimento 1 a), si chiede di confermare se il possesso di SOA  con categoria OG1 minimo classe 1 (importi fino a € 250.000) e OG11 minimo classe 1 (importi fino a €. 250.000) è sufficiente per comprovare il possesso dei requisiti  di partecipazione. Di fatto l’attestazione SOA certifica il possesso dei requisiti tecnico professionali che le imprese devono possedere per la partecipazione ad appalti per l’esecuzione di lavori pubblici.  

    Per la comprova del fatturato specifico medio annuo si conferma quanto specificato al punto 7.2 lettera e) “servizi di riparazione e manutenzione vari” del Disciplinare di Gara.
    01/03/2021 20:10
  104. 22/02/2021 15:48 - Con riferimento al chiarimento n.31, in merito ai requisiti di partecipazione, vista la Vs conferma alla possibilità di affidare in subappalto le prestazioni secondarie, di cui ai punti 7.1 lett b) e 7.2 lett. e) del disciplinare, ad imprese aventi i requisiti indicati nel bando, si chiede se in tale eventualità la ditta partecipante (che possiede il solo requisito relativo alla prestazione principale) debba soltanto indicare il nome del subappaltatore nel proprio DGUE, e quindi che intende ottemperare al requisito mediante subappalto, oppure se le ditte subappaltatrici debbano produrre anch’esse la documentazione attestante i requisiti.
    Si chiede inoltre, vista la modalità di aggiudicazione di un solo lotto per ditta, se un subappaltatore può partecipare alla procedura di gara con più ditte, anche per lo stesso lotto.
    Si chiede infine conferma se, in caso di RTI, la ditta mandataria può avvallare parte dei requisiti alla ditta mandante.
    Distinti saluti.


    R 1. Si rimanda ai chiarimenti forniti per i quesiti nn. 3 e 22
    R 2. Si
    R 3. Si rimanda alla lettura del punto 8 del Disciplinare di gara

    Si ribadisce che non è necessario indicare alcun nominativo di subappaltatori in sede di gara.
    Relativamente alla seconda parte del quesito l’avvalimento interno al Raggruppamento Temporaneo d’Imprese è consentito nel rispetto di quanto indicato all’art 7.4 lett d) ed e) e all’art. 8 del disciplinare di gara, pertanto non è consentito l’avvalimento per la dimostrazione dei requisiti generali e di idoneità professionale.


     
    01/03/2021 20:12
  105. 22/02/2021 17:08 - Gent.mi SIgnori,

    posto che nel disciplinare si evince che, per i requisiti di capacità economico-finanziaria, la comprova – per le società che abbiano iniziato l’attività da meno di tre anni – può essere rapportata al periodo di attività stesso, Vi chiediamo se è corretto intendere che la comprova dei requisiti di capacità tecnico-professionale possa essere rapportata per il medesimo periodo di attività

    Relativamente al requisito d’iscrizione alla fascia a) di cui all’art. 3 del D.M. 7 luglio, n. 274, è ammissibile una società che abbia il fatturato esclusivamente nei servizi di pulizia?

    Cordiali saluti.


    Nel caso in cui le imprese abbiano iniziato l’attività da meno di tre anni, è implicito che la comprova dei requisiti di capacità tecnico-professionale, in relazione a ciascun lotto, possa essere rapportata per il medesimo periodo di attività, come del resto già espressamente indicato per la comprova dei requisiti dei fatturati specifici medio annui (requisito di capacità economica e finanziaria) all’art. 7.2 del disciplinare di gara, sempreché capienti rispetto all’importo indicato.

    Relativamente al requisito d’iscrizione alla fascia a) ci cui all’art. 3 del D.M. del 7 luglio 1997 n. 274 è ammissibile che una società abbia il fatturato esclusivamente nei servizi di pulizia, purché l’impresa partecipi in R.T.I verticale in relazione a questa specifica tipologia di prestazione.
     
    01/03/2021 20:16
  106. 24/02/2021 19:23 - Buonasera,
    1) la presente al fine di richiedere di confermare che quanto riportato alla pagina 34  primo capoverso del disciplinare di gara ed in particolare il seguente periodo: 
    ”Le eventuali soluzioni migliorative proposte costituenti l’offerta tecnica potranno essere articolate in un nuovo schema di contratto/capitolato speciale descrittivo prestazionale redatto a cura del concorrente - anch’esso in formato PDF - e che sarà approvato dall’Ufficio proponente in caso di aggiudicazione definitiva] – trattasi di un refuso o per lo meno che  qualora non si tratti di refuso il documento richiamato non sia oggetto di valutazione della offerta tecnica discrezionale.

    2) siamo a richiedere di meglio specificare quali sono le “caratteristiche minime stabilite dalla documentazione di gara” che l’offerta tecnica deve rispettare a pena di esclusione specificate alla pagina n. 34 del disciplinare di gara secondo capoverso. 

    Ringraziamo anticipatamente per disponibilità e cortesia e porgiamo distinti saluti


    Relativamente al punto 1) della faq, come del resto già esplicitato all’art. 16 del disciplinare di gara, si precisa che non si tratta di un refuso e che “il nuovo schema di contratto/capitolato speciale descrittivo prestazionale redatto a cura del concorrente - anch’esso in formato PDF” sarà approvato dall’Ufficio proponente in caso di aggiudicazione definitiva e quindi non potrà essere oggetto di valutazione dell’offerta tecnica discrezionale in quanto la sua predisposizione avverrà in una fase successiva (aggiudicazione definitiva), mentre saranno oggetto di valutazione “le eventuali soluzioni migliorative proposte costituenti l’offerta tecnica”. 
    Relativamente al punto 2) si ribadisce quanto già esplicitato nell’art. 16 e 16.1 del disciplinare di gara.
    01/03/2021 20:18
  107. 25/02/2021 16:10 - Buonasera,  considerato il limite di aggiudicazione di un solo lotto siamo a richiedere di confermare che in caso di partecipazione a piu lotti ed in caso di ricorso all’avvalimento si dovrà produrre un unico contratto di avvalimento  utile a soddisfare i requisiti richiesti per il lotto di maggior valore e non tanti contratti quanto sono i lotti di partecipazione.


    chiediamo contestualmente una proroga alla scadenza della presentazione delle offerte  stante la complessità della documentazione da predisporre e la poca chiarezza delle norme di gara. 

    Ringraziamo e porgiamo distinti saluti 


    Si conferma che in caso di avvalimento si dovranno produrre specific contratti di avvalimento per ogni lotto 
    01/03/2021 20:26
  108. 25/02/2021 09:24 - Buongiorno,
    siamo a proporre i seguenti questiti: 
    Quesito 1)
    A pag 34 il disciplinare di gara recita “Le eventuali soluzioni migliorative proposte costituenti l’offerta tecnica potranno essere articolate in un nuovo schema di contratto/capitolato speciale descrittivo prestazionale redatto a cura del concorrente - anch’esso in formato PDF - e che sarà approvato dall’Ufficio proponente in caso di aggiudicazione definitiva.” Si chiede di confermare, in via preliminare,  che la richiesta è un refuso e che i concorrenti non devono presentare alcuno schema di contratto/capitolato prestazionale modificato; in via subordinata si chiede di confermare che tali documenti e le eventuali soluzioni migliorative offerte non sono oggetto di valutazione, in quanto non trovano riscontro nei criteri di valutazione dell’offerta tecnica.

    Quesito 2)
    A pag 36 e seguenti del disciplinare di gara sono richiesti il  “Progetto per l’introduzione di menu sociali”, il “Progetto per l’introduzione di menu solidali”, il “Progetto per l’introduzione di menu a base di filetti di pesce fresco” e il “Progetto per la somministrazione della spremuta di arance fresche biologiche da erogare a fine pasto”. Si chiede di confermare che i concorrenti dovranno produrre unicamente la documentazione esplicitamente richiesta alle pag 36 e seguenti ossia:
    - le dichiarazioni sottoscritte dal Legale Rappresentante contenenti l’impegno assunto (indicazione delle tipologie, della quantità e delle caratteristiche merceologiche dei prodotti alimentari, elenco dei fornitori, indicazione delle relative caratteriste soggettive).
    - i contratti preliminari con i potenziali sub fornitori
    - il modello 5
    Si chiede inoltre di confermare che qualunque altra documentazione non sarà oggetto di valutazione.

    Quesito 3)
    A pag 34 il disciplinare di gara recita  “L’offerta tecnica, in relazione a ciascun lotto di partecipazione, deve rispettare le caratteristiche minime stabilite nella documentazione a base di gara, pena l’esclusione dalla procedura di gara, nel rispetto del principio di equivalenza di cui all’art. 68 del Codice.” Poiché non è chiaro quali siano le caratteristiche minime a cui si fa riferimento, si chiede di specificare che tali caratteristiche minime sono esclusivamente quelle indicate al punto 18.2 del disciplinare stesso.
    A tal proposito si chiede di confermare anche quanto segue:
    1. l’unica relazione che i concorrenti devono presentare è quella relativa al criterio D Attività di comunicazione
    2. per i criteri A, B e C devono unicamente essere presentate le dichiarazioni sottoscritte dal Legale Rappresentante contenenti l’impegno assunto (indicazione delle tipologie, della quantità e delle caratteristiche merceologiche dei prodotti alimentari, elenco dei fornitori, indicazione delle relative caratteriste soggettive), i contratti preliminari con i potenziali sub fornitori e il modello 5.


    R 1. Si rimanda al riscontro fornito per la FAQ n. 100
    R 2 e 3. Si conferma  che i concorrenti dovranno produrre la documentazione esplicitamente richiesta nel Disciplinare di gara 
    01/03/2021 20:36

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

ROMA CAPITALE

Direzione Generale - Centrale Unica Appalti - p.zza G. da Verrazzano, 7 Roma (RM)
Tel. - per ogni tipo di informazione, gli operatori economici devono chiamare esclusivamente il numero 02-40031280) - Fax. 06.4115333 - PEC: romacapitale@pec.tuttogare.it